Friuli Venezia Giulia

Trieste, aumenta dipendenza da slot machine negli uomini

TRIESTE – Cresce la dipendenza dal gioco d’azzardo in Friuli Venezia Giulia: gli accessi al servizio dipendenze comportamentali sono passati da 335 nel 2013 a 502 nel 2017 e 218 sono nuovi utenti. Si tratta prevalentemente di uomini per il 77% dei casi che mediamente hanno accumulato circa 100mila euro di debiti e che spesso hanno problemi legali. Lo riferisce la Regione in una nota precisando che “secondo i dati dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli in Friuli Venezia Giulia le slot machine elettroniche installate sono 9.107 distribuite in 1.990 esercizi pubblici, i Vlt sono 1.008 diffusi in 86 sale, ai quali si sommano altri 1.863 apparecchi per scommesse e il volume medio di gioco pro capite nel 2016 e’ stato di 1.343 euro (se si considerano solo i maggiorenni)”. 

In questo quadro “si stima che le persone con problemi di gioco d’azzardo siano circa 6.000, con pesanti ricadute a livello familiare e sociale che si riflettono sulla sfera comunitaria fino a rientrare nelle problematiche della salute pubblica”. La fotografia del fenomeno e’ emersa nel corso dell’incontro pubblico ‘Il gioco d’azzardo lecito. Corretta informazione e alleanze sul territorio’ organizzato dalla Regione in collaborazione con Federsanita’ Anci Fvg e Ordine dei giornalisti. 

“Il Friuli Venezia Giulia si conferma tra le Regioni italiane che- si legge nella nota- attraverso apposite norme, ha posto maggiori limitazioni al gioco d’azzardo lecito, rappresentato soprattutto da videopoker, sale slot e videolottery terminal (Vlt). Nonostante cio’ la regione si posiziona al nono posto a livello nazione per spesa pro capite in slot machine e videopoker, con una continua crescita del fenomeno del gioco d’azzardo patologico (Gap), soprattutto tra i giovani e le fasce piu’ deboli della popolazione”.

 

 Elisabetta Batic, giornalista

13 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»