Trapani, arrestati 12 favoreggiatori del latitante Messina Denaro

ROMA – Un duro colpo è stato inferto questa notte alla malavita della provincia di Trapani. A finire in manette, a seguito di un blitz messo in atto dei carabinieri del comando provinciale di Trapani e della Direzione investigativa antimafia, 12 persone accusate di associazione mafiosa, estorsione, favoreggiamento e fittizia intestazione di beni, tutti aggravati da modalità mafiose.  La rete individuata avrebbe avuto legami con il capomafia Matteo Messina Denaro, condannato all’ergastolo per le stragi di Roma, Milano e Firenze del 1993. Tra di loro anche  il “re dell’eolico” Vito Nicastri (famoso imprenditore del settore delle energie rinnovabili) che avrebbe favorito la latitanza del boss.

13 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»