Pd, Sanna a Lai: "Avanti con Soru, non è tempo di congressi" - DIRE.it

Sardegna

Pd, Sanna a Lai: “Avanti con Soru, non è tempo di congressi”

soruCAGLIARI – “Quella che nella sua nota Silvio Lai chiama “la verità”, è in realtà un invito (Soru lasci la segreteria del Pd sardo) basato su un racconto di fatti e avvenimenti che però non torna a molti che li hanno vissuti”. Così in una nota il deputato del Pd Francesco Sanna, risponde alla lunga lettera scritta da Silvio Lai, nella quale il senatore ha di fatto chiesto al segretario Renato Soru le dimissioni.

Continua dunque la lotta intestina all’interno del Pd sardo, con Sanna che, dopo la sua relazione nell’ultima direzione oristanese nella quale aveva lanciato un appello all’unità, oggi si schiera chiaramente con Soru.

“Non penso sia condivisibile la lettura del 2003, quando il Pd non esisteva, e il centrosinistra trovò in Soru la soluzione per vincere le elezioni e indicare una idea di Sardegna che i sardi sostennero e fecero propria, un’idea che ebbe enorme attenzione positiva dentro e fuori il Paese- scrive Sanna-. E tantomeno che serva ora riaprire la discussione sulle responsabilità, interne alla maggioranza di centrosinistra, della fine della legislatura in cui Soru fu presidente della Regione”.

Per il deputato di Iglesias Soru sta chiedendo un’assunzione di responsabilità al partito che guida “senza insultare o dileggiare nessuno, nemmeno quelli che hanno deciso che oggi non va più bene, ma quasi gramscianamente rivendicando il bisogno di un impegno, di uno studio e di una organizzazione, perché serve l’intelligenza e la disponibilità di tutti insieme e di ciascuno”.

Il passo in avanti dunque non può essere il congresso estivo o autunnale auspicato da Lai “che implicherebbe disimpegno e disinteresse rispetto al referendum costituzionale, ma la rinuncia alla comodità dei ruoli cristallizzati di maggioranza e minoranza per riprendere lo slancio e l’iniziativa dei democratici in questo tempo bello e difficile per la Sardegna”.

di Andrea Piana

13 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»