AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Expo, Renzi visita i cantieri a Milano. “E’ la nostra vera sfida e la vinceremo”

M. Renzi

M. Renzi

ROMA – “Se l’Expo e’ il luogo dello scandalo, la gente ne ha paura. Ma siccome quella pagina li’ e’ chiusa, e l’Expo e’ il luogo dove aziende, lavoratori, organizzatori danno l’anima, allora l’Expo e’ una partita che riguarda l’Italia. Questa sfida e’ la sfida del 2015 per il nostro Paese. E la vinceremo“. Cosi’ Matteo Renzi nella visita all’Expo di Milano.
Rivolgendosi ai lavoratori, Renzi dice: “Vorrei che ciascuno di voi avesse il senso dell’orgoglio di chi sta facendo una grande impresa. Come chi costruiva cattedrali nel Medioevo, voi avete davanti la stessa sfida: con l’Expo state costruendo una grande cattedrale laica, il luogo dove l’Italia riflette su se stessa e accetta la sfida del domani. Facciamo vedere al mondo di cosa e’ capace l’Italia“.

 

“Oggi in ballo c’e’ l’idea stessa dell’Italia”. Cosi’ il presidente del consiglio Matteo Renzi, parlando al Cantiere dell’Expo a Milano. Il presidente del consiglio sottolinea che si tratta di una scommessa vinta. “La prima volta che siamo venuti- dice Renzi- ho contato le facce lunghe. Quelli che dicevano ‘non ce la faremo mai’. Quelli che pensavano ‘ehi lascia stare, molliamo finche’ sei in tempo. Sei appena arrivato a fare il presidente del consiglio, chi te lo fa fare di metterci la faccia su sta roba qua?’ Erano i giorni- ricorda Renzi- delle polemiche e anche, giustamente, di qualche processo. Noi abbiamo detto che non solo non ci tiriamo indietro, ma ci mettiamo la faccia. E la nostra faccia non basta, ci vuole il vostro cuore. Il fatto che ora, chi ha seguito il progetto, vede che non e’ piu’ uno schizzo ma e’ realta’ dimostra che quando l’Italia rema tutta dalla stessa parte le cose si realizzano e i sogni prendono forma”.

 

“OPERE ULTIMATE AL 90%, ORA ATTENTI ALLE RIFINITURE” – “A meno di 50 giorni dall’inaugurazione le opere sono state ultimate al 90 per cento ma dobbiamo stare attenti perché questo è il momento delle rifiniture, della messa a punto finale che non consente errori”. Lo ha detto a Voci del Mattino, su Radio1, Giuseppe Sala, commissario delegato dal Governo per Expo 2015 nella giornata in cui il cantiere della manifestazione viene visitato dal presidente del Consiglio Renzi e dal ministro Martina. “Alcuni padiglioni dei Paesi esteri sono un po’ indietro ma essendo prefabbricati comunque in poco tempo saranno ultimati. In questa fase l’attenzione è concentrata soprattutto sulla tecnologia, perché entro il 1 maggio i sistemi di sicurezza dovranno funzionare perfettamente. Particolarmente delicata, da questo punto di vista, sarà la giornata inaugurale che, oltre alle nostre figure istituzionali, vedrà la presenza di molti altri capi di Stato. Avremo installate oltre 2000 telecamere, agli ingressi avremo dei detector simili a quelli aeroportuali e ogni camion che entrerà sarà sottoposto a controlli anche in questo caso simili a quelli dei bagagli in aeroporto”.

13 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988