Regionali, Donato: “Nel Lazio serve programmazione, puntare su cultura e turismo”

ROMA – “Ritengo che mai come in questo momento la Regione Lazio abbia bisogno di essere guidata da persone concrete, competenti e qualificate. Una regione, “dove non si riesce a programmare nulla. E dove c’è bisogno di esperienza, non soltanto di gioventù. Io l’esperienza ce la metto, ma metto anche l’entusiasmo di un ragazzino”. Così il candidato di Energie per l’Italia per il Consiglio regionale del Lazio, Pasquale Donato, intervistato dall’agenzia Dire.

“In passato- ha aggiunto il candidato che sostiene Stefano Parisi– mi sono occupato di sport, beni culturali, turismo e ritengo di poter dare il mio contributo con dei progetti concreti. Se si fa una politica seria di recupero, restauro e catalogazione di tutto il patrimonio artistico, riusciremo a creare una quantità enorme di posti di lavoro. Oltre alle condizioni di sviluppo di tutta un’altra serie di settori: dal turismo, alle infrastrutture, alla viabilità“.

Sul Turismo in particolare, “abbiamo una grande opportunità: da quello culturale a quello religioso, sino a quello agroalimentare e enogastronomico. Se si incentiva lo incentiviamo, non può che attivarsi una reazione a catena con tutti gli altri settori”.

“Non vorrei che in questa tornata elettorale si ricreasse la dinamica delle scorse elezioni amministrative a Roma, quando il centrodestra presentò tre candidati e alla fine vinsero i 5 Stelle. Speriamo che ciò non accada, anche perchè Stefano Parisi in soli 10 giorni sta facendo grandi passi in avanti e sta lavorando molto bene e c’è un grande senso di fiducia verso questo candidato”. Così il candidato di Energie per l’Italia per il Consiglio regionale del Lazio, Pasquale Donato.

“Io lo dico in modo convinto- ha aggiunto Donato- dopo molti anni il centrodestra può esprimere un candidato credibile e autorevole. I cittadini del Lazio hanno tutto da guadagnare votando un candidato come Parisi”.

13 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»