Rimborsopoli, Buccarella si autosospende. Renzi: "M5s è Arca di Noè per truffatori e scrocconi"

Politica

Rimborsopoli, Buccarella si autosospende. Renzi: “M5s è arca di Noè per truffatori e scrocconi”

ROMA – La tempesta in casa del Movimento 5 stelle non smette di infuriare. L’inchiesta della trasmissione ‘Le Iene’ sui mancati versamenti dei parlamentari grillini al fondo comune miete altre vittime. Arriva ieri sera l’autosospensione di uno dei sospettati, Maurizio Buccarella.

E intanto Matteo Renzi definisce il Movimento cinque stelle e’ “un’arca di Noe’ su cui stanno salendo tutti i truffatori, scrocconi, riciclati e massoni. E querelatemi se dico il falso. Altro che mele marce, c’e’ un intero negozio di ortofrutta“.

BUCCARELLA: OPERAZIONE AD OROLOGERIA

“Non so come si stanno facendo i controlli ed è chiaro che l’operazione de ‘Le Iene’ arriva ad orologeria a poche settimane dalle elezioni, nel verificare la destinazione dei nostri soldi volontariamente versati sul fondo ministeriale, per delegittimare il M5S e lasciare campo libero al partito unico degli occupatori della Repubblica”, ha scritto sulla sua pagina facebook il senatore pentastellato Buccarella.

“Non ho alcuna intenzione di prestarmi al gioco al massacro e non sto volutamente rispondendo alle tante chiamate di giornalisti- aggiunge-, NON richiederò ed esibirò alcun estratto conto e per ogni comportamento scorretto che posso aver commesso risponderò solo al Movimento 5 Stelle. Già leggo di ‘decine di parlamentari furbetti’ e se diamo seguito a questo andazzo della stampa e degli avversari politici, riusciranno a capitalizzare i nostri errori e anche le nostre debolezze umane, dove ci sono state, inseguendoci uno ad uno e sparando nel mucchio pur di danneggiarci”.

“Mi considero intanto AUTOSOSPESO dal Movimento per tutelare anche la mia serenità personale e familiare- dice ancora-. Non me ne vogliano i colleghi, attivisti e candidati con i quali fino ad oggi mi sono impegnato nella campagna elettorale, continuo a sostenerli idealmente e cercherò di dare una mano comunque, finché mi sarà permesso”.

Nella parte iniziale del post Buccarella spiega: “Ho appena inviato all’assistenza di Tirendiconto i bonifici esitati degli ultimi tre mesi del 2017 (tot. € 12.292,75), finora pubblicati sul sito in forma di mero ordine di disposizione. Relativamente agli ultimi due mesi di novembre e dicembre avevo fatto una leggerezza, però: avevo REVOCATO i due bonifici lo stesso 31 gennaio 2018 perché credevo di poter chiudere quel conto corrente nei giorni immediatamente successivi (decisione che avevo preso da tempo per il costo eccessivo per commissioni applicate su tutte le operazioni da quella banca, ma non volevo ‘sgarrare’ la scadenza del 31 gennaio per chiudere la rendicontazione), cosa che invece non ho fatto (anche per essere stato tre giorni a Roma per i lavori della commissione) e di cui NON mi sono premurato di avvertire l’assistenza di Tirendiconto o altri del Movimento. In data odierna (12 febbraio) mi risulta che quelle somme sono state accreditate sul Fondo, dopo bonifici disposti da altra banca”.

“Il bonifico del mese di ottobre, invece (datato 27.12.2017 e mai revocato) avrà avuto l’esito naturale sul Fondo di garanzia ministeriale (QUANDO PERO’ NON LO SO, dopo aver appena letto l’articolo sul Fatto Quotidiano dove dal MEF spiegano che c’è uno sfasamento temporale anche di mesi fra la contabile dell’accredito sul loro fondo rispetto alla disposizione di bonifico)”, aggiunge.

13 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»