AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

I dati Bankitalia: aumentano le entrate tributarie, sale il debito pubblico


ROMA – Crescono le entrate tributarie, ma sale anche il debito pubblico. Questo il quadro che emerge dai dati della Banca d’Italia nel supplemento al Bollettino Statistico ‘Finanza pubblica, fabbisogno e debito’.

Nel dettaglio, a novembre le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 33,8 miliardi (34,6 nello stesso mese del 2015); nei primi undici mesi del 2016 esse sono state pari a 368,4 miliardi, in crescita del 4,3 per cento rispetto al corrispondente periodo del 2015; al netto di alcune disomogeneità contabili e temporali (riguardanti principalmente l’IVA, le ritenute Irpef e l’imposta di bollo virtuale), si può stimare che la dinamica sia stata più contenuta. Cosi’ la Banca d’Italia nel supplemento al Bollettino Statistico ‘Finanza pubblica, fabbisogno e debito’.

Per quanto riguarda il debito delle Amministrazioni pubbliche, a novembre è stato pari a 2.229,4 miliardi, in aumento di 5,6 miliardi rispetto al mese precedente. L’incremento è dovuto al fabbisogno mensile delle Amministrazioni pubbliche (7,1 miliardi), parzialmente compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro (per 1,6 miliardi, a 46,1; erano pari a 74,4 miliardi alla fine di novembre del 2015); l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del cambio dell’euro ha marginalmente aumentato il debito (0,1 miliardi).

13 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988