AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Latino anche alle scuole medie, la proposta del Pd dell’Emilia-Romagna

BOLOGNA – Il latino sia insegnato anche alle medie, almeno come materia facoltativa. A chiederlo è il Pd, che in Regione ha presentato una risoluzione per “proporre ai dirigenti delle scuole secondarie di primo grado di introdurre il latino quale insegnamento extra-curricolare facoltativo“. Alle superiori, si legge nel documento presentato dal dem Giorgio Pruccoli, il latino “è sempre meno centrale. Oggi l’insegnamento si è contratto e, in molti casi, è completamente scomparso“. Secondo il Pd, è una scelta che “depaupera profondamente il patrimonio culturale dei singoli e dell’intera collettività, in nome di un’errata declinazione del concetto di scuola delle competenze, esclusivamente concentrata sull’apprendimento del saper fare, spesso a detrimento della trasmissione delle competenze di base e della stessa maturazione psicologica, emotiva sociale e relazionale dei ragazzi”.

bambino scuolaDa qui la richiesta alla Giunta Bonaccini di “valutare con l’Ufficio scolastico regionale la predisposizione di una campagna di sensibilizzazione sul valore sociale e culturale che ha la conoscenza della classicità e della lingua latina”, coinvolgendo “le associazioni culturali e tutti i soggetti che possano apportare un contributo in termini operativi e di conoscenze”. Ma soprattutto, il Pd chiede di “verificare la possibilità, nel pieno rispetto dell’autonomia scolastica, di proporre ai dirigenti delle scuole secondarie di primo grado di introdurre il latino quale insegnamento extra-curricolare facoltativo“. Del resto, sostiene il Pd, “l’apprendimento del latino non può essere considerato estraneo al formarsi di una cultura anche scientifica e tecnica”.

13 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988