Piazza Fontana, Mattarella: “Manca ancora la verità piena”

"Trame di matrice neofascista, occultate da intollerabili deviazioni", dice il Presidente della Repubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Una verità piena e conclusiva non ha ancora coronato le lunghe e travagliate vicende giudiziarie. Questo nonostante il lavoro encomiabile e coraggioso di magistrati e servitori dello Stato, che hanno svelato responsabilità e trame di matrice neofascista, occultate da intollerabili deviazioni”. Lo dice Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dell’anniversario della strage di piazza Fontana a Milano.

Sono passati 49 anni dalla strage di Piazza Fontana. Quel pomeriggio, alle 16.37 del 12 dicembre, una bomba da 7 chili di tritolo devastò la Banca dell’Agricoltura, in piazza Fontana a Milano. La Banca era aperta, gremita di gente.

I morti furono 17, i feriti 88. Per l’Italia iniziò una stagione di terrore. E’ con la strage di Piazza Fontana, infatti, che si fa coincidere l’inizio della ‘strategia della tensione’, caratterizzata da anni e anni di terrorismo e paura.

I colpevoli della strage di Piazza Fontana non hanno nomi, per i tribunali. Ma la responsabilità è stata chiaramente attribuita all’estremismo neofascista.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»