Rimini, bando per 40 orti sociali. Il 70% sarà destinato a over 65 anni - DIRE.it

Emilia Romagna

Rimini, bando per 40 orti sociali. Il 70% sarà destinato a over 65 anni

orto1BOLOGNA – Scadono alle 13 del 30 dicembre i termini per presentare le domande per l’assegnazione degli orti sociali in zona Celle, in via Sacramora a Rimini. Lo fa sapere il Comune, precisando che “i 40 appezzamenti, di grandezza non superiore a 50 metri quadrati, sono dati in gestione gratuita per tre anni (gennaio 2017-dicembre 2019)”. Nel dettaglio, il 70% sarà assegnato a persone di età pari o superiore a 65 anni, residenti nel Comune di Rimini da almeno due anni, mentre il restante 30% andrà a “progetti scolastici, di socializzazione o di sostegno a favore di persone in stato di disagio sociale o economico”.

I criteri con cui verrà stilata la graduatoria per gli over 65 sono “il maggior numero di anni di residenza, il minor numero di componenti il nucleo familiare, il minor Isee, e l’eventuale condizione lavorativa“, mentre per le persone di età inferiore a 65 anni si terrà conto “del numero di anni di residenza, del maggior numero di componenti il nucleo familiare, del minor Isee, e dell’eventuale condizione lavorativa”. Il bando e la modulistica possono essere scaricati all’indirizzo www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/gare-appalti-e-bandi/avviso-201684.

Le domande dovranno essere indirizzate all’U.O. Gestione amministrativa e contabile del Settore Servizi al cittadino, e potranno essere inviate via fax allo 0541-793914, o recapitate a mano in via Caduti di Marzabotto 25 dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13, e il giovedi dalle 8 alle 16, oppure alla Delegazione anagrafe di Viserba dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, e il martedì e il giovedi anche dalle 15 alle 17. Per informazioni si può chiamare lo 0541-793911 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, e il martedì e il giovedì anche dalle 15 alle 17.

12 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»