Roma, i delusi del Movimento 5 Stelle scelgono De Magistris

La consigliera Grancio espulsa dal Movimento 5 Stelle aderisce al movimento di De Magistris 'Dema'. Presente anche l'ex assessore Berdini

Condividi l’articolo:

ROMA – “Annuncio la mia adesione a Dema”. Lo ha detto la consigliera capitolina Cristina Grancio, ex dissidente M5S poi espulsa e passata al gruppo Misto, presentando stamattina una proposta di delibera per il recupero urbano degli edifici abbandonati alla Biblioteca Angelica di Roma insieme all’urbanista ed ex assessore della Giunta Raggi, Paolo Berdini e al sindaco di Napoli e presidente di DeMa, Luigi De Magistris.

L’idea del sindaco di Napoli De Magistris di strutturare un progetto politico di sinistra in vista delle Europee del 2019 inizia quindi a prendere forma. Cristina Grancio, infatti, rappresenta il primo tassello per far diventare Dema, lista fortemente radicata a Napoli e in tutta la Campania, un soggetto nazionale in vista dell’assemblea pubblica lanciata dallo stesso De Magistris per sabato 1 dicembre al teatro Italia a Roma alle 10.

LEGGI ANCHE: Europee, De Magistris lancia l’appello per un “fronte popolare”: “Ma non sarà la vecchia sinistra”

“Mi piacerebbe molto poter formare il gruppo di Dema in Assemblea capitolina, ma per farlo bisogna essere almeno in due. Ci impegneremo per trovare il secondo, io rimarrò formalmente nel gruppo misto ma ovviamente parlerò a nome di Dema a Roma”, ha poi aggiunto Grancio.

LEGGI ANCHE: ‘Goodbye LeU’: Sinistra Italiana scarica Mdp e guarda a De Magistris

Nel frattempo, ha sottolineato, “comunque ci stiamo muovendo sui Municipi e chissà che non ci siano sorprese, partendo dal basso. Sono in contatto con più di qualche consigliere municipale interessato, ci stiamo confrontando in diversi territori”

LEGGI ANCHE: Roma, delibera Grancio su immobili abbandonati: “Non luoghi diventino pubblici”

GRANCIO: MIO PERCORSO CON M5S CHIUSO DEFINITIVAMENTE

“Sono molto emozionata- ha aggiunto Grancio- è un passaggio che sento molto e che ho maturato, non viene semplicemente perché nel gruppo misto non sai come muoverti, ma per un percorso. Ieri sera ho mandato una pec a ‘liste civiche’, che è casella mail che nessuno sa chi ci sia dietro e da cui ho ricevuto l’espulsione, in cui ho detto che è definitavemente chiuso il mio percorso nel M5S“.

LEGGI ANCHE: Roma, l’ex M5S Grancio: “Uno non vale più uno, è stato un grande inganno”

Come ha spiegato Grancio, “è una situazione che parte da molto lontano, già da fine 2017 non ero più nel Movimento dello ‘statuto Lanzalone’ e con gli altri del Movimento 2009 mi sono adoperata per capire la causa delle storture nel Movimento del Blog delle stelle, che però derivavano proprio dalle storture iniziali del 2009. Poi sono stata espulsa, e dopo un momento di pausa ho cominciato a guardarmi intorno per capire chi ha fatto bene e ha saputo dare risposte”.

“Mi sono avvicinata prima a Napoli che a de Magistris- aggiunge- attraverso gli atti proposti ai cittadini, poi quando ho visto cosa il sindaco voleva proporre per tutti noi mi sono chiesta che cosa avrei potuto fare di buono accanto a lui per portarlo poi anche in Assemblea capitolina”.

Ho scelto Napoli per l’inversione di tendenza che ha saputo mostrare ai suoi cittadini, e non mi dite che partiva da una situazione migliore di Roma. È importante che la politica dia risposte chiare e in trasparenza senza quell’opacità crescente che si vede in Campidoglio, che è il contrario di ciò che mi ha fatto avvicinare al M5S. Roma- ha sottolineato la ex pentastellata- sta subendo un grande danno di sfiducia, credibilità, immagine e alla fine magari anche erariale, mi sono confrontata con Napoli e le sue sfide, dai beni comuni all’acqua pubblica, e ho cercato di capire perché questa città è andata verso una risalita che a Roma non riesce, e nel mio piccolo mi sono sentita di rispondere con questa delibera presentata oggi”.

DE MAGISTRIS A GRANCIO: BENVENUTA IN DEMA, NOI APPREZZIAMO DIFFERENZE

Dema ha deciso di lavorare su tutto il perimetro nazionale ed europeo, e quindi anche Roma. Diamo a Cristina il benvenuto in un progetto fatto di competenze e di passione. Cerchiamo di accompagnarci a persone che abbiano sensibilità e differenze, che sono un valore per noi che ci rifacciamo alla Costituzione antifascista e repubblicana. Abbiamo apprezzato in questi mesi la passione politica di Cristina e la sua delusione che non si è trasformata in rabbia ma in impegno civile e democratico”. Lo ha detto il sindaco di Napoli e presidente di Dema, Luigi de Magistris, durante la conferenza stampa a Roma in cui la consigliera capitolina ex M5S Cristina Grancio ha annunciato la sua adesione al suo movimento.

Leggi anche:

12 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»