Migranti e volontari del Baobab insieme in piazza: “Basta sgomberi” FOTO

migranti_baobab_

ROMA – I volontari del Baobab e un centinaio di migranti si sono ritrovati questa mattina alle 10:30 di fronte alla Prefettura di Roma, per gridare con forza ‘Basta Sgomberi’.

Il Baobab, come sottolineano i manifestanti, è l’unica realtà romana che dà supporto logistico e morale a centinaia di migranti che ogni giorno transitano a Roma dopo essere sbarcati in Sicilia, per poi continuare il viaggio verso il Nord Europa. E, non avendo uno spazio dove svolgere l’attività di volontariato e supporto, spiegano i volontari, sono costretti a stare in strada, e trovare qualunque modo possibile per alleviare il transito dei migranti.

Tuttavia, dal 30 settembre (giorno dello sgombero della sede storica di Via Cupa) ad oggi, sono stati 5 gli sgomberi che volontari e migranti hanno dovuto subire.

“Siamo qui per manifestare e chiedere che s’interrompano subito gli sgomberi- dice un volontario del Baobab- Questa è una politica inutile e disumana, ed è assurdo che le istituzioni non riescano a trovare soluzioni per questi migranti in transito. Noi del Baobab, bene o male, forniamo 3 pasti al giorno, assistenza medica e legale, anche grazie alla realtà dell’associazionismo romano, ma con questi continui sgomberi è molto difficile”.

Nelle ultime settimane, i volontari del Baobab si erano sistemati a piazzale Spadolini, alla stazione Tiburtina, dove avevano trovato riparo nel parcheggio sotterraneo.

Sono stati sgomberati dalla polizia che ha poi murato finestre e porte del parcheggio. Dopo di che, nello stesso piazzale, hanno creato un accampamento che la polizia ha nuovamente sgomberato: “Ci hanno detto che il parcheggio era fuori norma, ma è ovviamente una scusa”, afferma un altro volontario del Baobab. Ora dormono per strada, nello stesso parcheggio di Piazzale Spadolini: “Questa notte abbiamo dormito in strada perché la polizia ci ha buttato fuori e non abbiamo un posto dove stare: è orribile. Fuori fa freddo e piove”, dichiara un giovane eritreo, migrante in transito, di nome Beraki, che aggiunge: “Noi siamo qui perché vogliamo chiedere al governo e allo Stato che ci venga dato un posto al chiuso dove poter dormire”.

LEGGI ANCHE

Migranti, sgombero al presidio Baobab della stazione Tiburtina

Roma, nuovo sgombero all’ex Baobab: la Polizia torna a via Cupa

12 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»