Emilia Romagna

A Reggio Emilia dentista gratis per i minori in difficoltà

REGGIO EMILIA – Dentista gratis per i minori in difficoltà seguiti dai servizi sociali del Comune. Accade a Reggio Emilia, per effetto del protocollo d’intesa siglato oggi tra l’amministrazione comunale, l’associazione nazionale dei dentisti italiani (Andi) e la fondazione Andi Onlus, braccio sociale della stessa organizzazione di categoria.

dentista

In particolare sono già una trentina i dentisti reggiani disponibili a prestare le cure odontoiatriche ad altrettanti minori in stato di disagio, ospiti di comunità educative o affidati a famiglie, tra quelli intercettati dai Servizi sociali del Comune di Reggio che in totale sono circa 3.900. Secondo l’intesa, la fondazione Andi recluterà i medici volontari tra i soci della sezione provinciale, che saranno poi assegnati ad un minore selezionato dall’amministrazione comunale. “L’incontro tra i professionisti che legittimamente potevano non essere interessati e il pubblico per rispondere ad un bisogno fondamentale è un dato di grande rilevanza politica”, commenta il sindaco di Reggio Luca Vecchi. “Questa iniziativa- aggiunge- conferma il peso del protagonismo civico che offre un’opportunità in più alle categorie più deboli e connota la città come una grande ‘comunità di cura’ con al centro le persone, in questo caso i minori”. Il presidente dell’Andi reggiana, Gianluca Davoli, sottolinea invece: “Della nostra categoria professionale viene spesso offerta un’immagine negativa. Eppure è quella che registra il maggior numero di volontari che silenziosamente operano, sia in Italia che all’estero, dedicando agli altri il loro tempo libero”. La “speranza- conclude Davoli- è che iniziative come questa provochino un’inversione di tendenza. Ringraziamo il Comune e speriamo che il progetto possa estendersi ad altri territori”.

di Mattia CaiuloGiornalista

12 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»