Donne e atlete, ebook racconta storie di una grande Italia

ROMA – Dodici donne, dodici atlete, dodici storie di vita. È ‘Donne di Sport’, l’ebook edito da Alley Oop – Il Sole 24 Ore, scritto dalla giornalista Tiziana Pikler per raccontare chi ha fatto grande lo sport italiano. Il libro, con il patrocinio del Coni e la prefazione del presidente Giovanni Malagò, è stato presentato questo pomeriggio a Roma nel Giardino dell’Airone della Scuola dello Sport del Coni al Cpo dell’Acqua Acetosa. All’appuntamento, dal titolo ‘Sportive al centro’, sono intervenuti lo stesso Malagò, Diana Bianchedi, ex schermidrice, medico e manager; Rossana Ciuffetti, direttrice della Scuola dello Sport del Coni; Diego Nepi Molineris, direttore marketing e sviluppo del Coni, e Michele Uva, direttore generale della Figc e vicepresidente della Uefa. Presenti anche le atlete Maria Beatrice Benvenuti, Alessandra Pagliaro e Simona Quadarella, oltre a una rappresentanza della Roma calcio femminile. “Io ci ho sempre messo la faccia per la partecipazione delle donne nello sport- ha detto il presidente del Coni- Non ci sono più alibi e il futuro è abbastanza segnato, per questo al Coni abbiamo sostenuto la sacrosanta causa dell’universo femminile. Questo è un libro che avrà successo, sono raccontati 12 ritratti di grandissime atlete con il loro lato umano e intimo. Le donne di sport, protagoniste dell’iniziativa editoriale sono Maria Beatrice Benvenuti, arbitro di rugby internazionale; Monica Boggioni, atleta del nuoto paralimpico con quattro record del mondo; Federica Brignone, medaglia di bronzo nello slalom gigante alle Olimpiadi di PyeongChang; Sara Cardin, campionessa del mondo di karate; Elisa Di Francisca, pluricampionessa della scherma; Arianna Fontana, portabandiera azzurra a PyeongChang e vincitrice di tre medaglie nello short track; Kiara Fontanesi, cinque volte campionessa mondiale di motocross; Sara Gama, capitano della Juventus Women e della Nazionale di calcio; Serena Ortolani, schiacciatrice nel giro della Nazionale di pallavolo e capitano della Saugella Monza; la plurimedagliata del nuoto, Federica Pellegrini; Irma Testa, prima donna pugile italiana alle Olimpiadi, e Cecilia Zandalasini, cestista della Nazionale. “Ho un debole per lo sport femminile perché penso sia una grande occasione di svolta sociale, c’è bisogno delle donne nella società”, ha concluso Uva, che ha raccontato come il movimento calcistico femminile stia crescendo sempre più, passando dalle 16mila tesserate alle 23mila di oggi, con ancora margini di crescita”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

12 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»