A Modena e dintorni torna Passaparola, tra letture notturne e corsi sulla voce

MODENA – Torna Passa la Parola, in una nuova veste. Nella sua ottava edizione il Festival della Lettura per Ragazzi, il Festival della lettura per leggere tutti e leggere ovunque e degli incontri con autori e illustratori, prende il via venerdì 14 settembre con un ricco programma di incontri di formazione gratuiti, letture notturne e corsi sull’uso della voce: tra settembre e maggio nei Comuni di Modena, Castelfranco Emilia, Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Formigine, Spilamberto, Vignola.

Passa la Parola è un progetto di promozione alla lettura ideato da Milena Minelli e Sara Tarabusi, Libreria per ragazzi Castello di Carta di Vignola e Csi Modena (Centro Sportivo Italiano, comitato provinciale di Modena) in collaborazione con i comuni e le biblioteche del territorio. Si tratta di uno degli appuntamenti nazionali più attesi nel settore della letteratura per ragazzi, con ospiti italiani e stranieri, scrittori, illustratori, artisti, narratori.

Dopo i primi appuntamenti di settembre, ottobre e novembre, il massimo dell’espressione del Festival, arriverà invece a maggio 2019, a Modena. E’ qui che sboccia Passa la Parola, quando gli autori verranno nel centro storico della città e incontreranno le scuole di tutti i Comuni amici del Festival. I giorni da segnare in agenda sono 3, 4 e 5 maggio 2019.

Imparare a leggere

“I primi incontri – sottolineano Milena Minelli e Sara Tarabusi, ideatrici del Festival – saranno rivolti agli adulti: per una pedagogia della lettura, per conoscere e approfondire la letteratura per ragazzi dalla voce dei suoi protagonisti e rendere sempre di più le famiglie, la scuola e i nostri comuni, luoghi di costruzione culturale consapevole e cosciente. Far leggere tutti, in tutti i luoghi possibili per essere aperti al futuro, perché ostinatamente vogliamo crescere (coltivare) lettori”.

 “Tra gli obiettivi di questa Amministrazione c’è anche quello di far crescere il numero e le ‘competenze’ delle persone di ogni età che accedono alle proposte culturali- afferma Gianpietro Cavazza vicesindaco di Modena assessore alla Cultura-. Per i ragazzi in particolare Passa la parola è uno strumento importante per arrivare al risultato. Realizzato in collaborazione tra enti locali e soggetti privati, un festival come questo è prezioso perché ogni anno sa coinvolgere con creatività, freschezza e qualità. E noi lo sosteniamo, convinti come siamo che avvicinare alla lettura bambini, bambine, ragazzi e ragazze, equivalga a fare un investimento sul futuro”.

Maurizia Cocchi Bonora, vicesindaco di Castelfranco Emilia, dichaira: “Aderiamo con grande soddisfazione al Festival Passa la parola, che ci offre l’opportunità di sostenere i progetti di promozione alla lettura delle Scuole e di fare rete con altri territori, per ribadire con forza e con gioia, l’importanza della Lettura per i bambini e i ragazzi, come strumento di crescita cognitiva e formativa. Le occasioni si faranno più significative ed il percorso abbraccerà l’intero anno scolastico. Sviluppare la “cultura del libro” non mira solo a costruire “lettori forti”, consapevoli e maturi, ma anche donne ed uomini liberi, autonomi e critici, per una società culturalmente ed economicamente migliore”.

“Pier Paolo Pasolini diceva ‘Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù – spiega l’assessore alla Cultura di Spilamberto Simonetta Munari – e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura’. Ed è questo il nostro intento: accompagnare i ragazzi nella scoperta della passione per la lettura: Il Festival Passa la Parola ci offre la possibilità di incontrare nuovi autori, rendere partecipi studenti ed insegnanti creare competenza e soprattutto appassionare”.

Per Sofia Baldazzini assessore alla Cultura di Castelnuovo Rangone “l’adesione del nostro Comune a Passa la Parola si inserisce coerentemente in un percorso culturale nato diversi anni fa. Da tempo, infatti, le nostre biblioteche comunali promuovono, con il supporto dei volontari, un ricco calendario di appuntamenti dedicati alla letteratura per ragazzi. Il nostro debutto a Passa la Parola è una conseguenza naturale di uno sforzo educativo che ci accomuna agli organizzatori del Festival: siamo davvero felici di poter contare su un’occasione in più per poter avvicinare i nostri ragazzi a quegli universi sconfinati che soltanto la letteratura può dischiudere!”.

Simone Pelloni, sindaco di Vignola con delega alla cultura, dichiara: “Anche quest’anno Vignola ospita convintamente il festival della lettura per ragazzi, che tra l’altro si svolgerà negli spazi rinnovati della nostra biblioteca. In una realtà come quella di oggi, peraltro, dove la comunicazione viaggia su binari virtuali sempre più veloci e immediati, la lettura è un invito anche a riscoprire il valore della riflessione. Inoltre, è proprio dalla cultura che bisogna partire per costruire la società di domani”.

INCONTRI DI FORMAZIONE GRATUITI

Il Festival che coinvolge le scuole, i bambini, i ragazzi, gli insegnanti e i genitori, apre l’anno scolastico 2018-2019 con incontri di formazione per adulti, incontri con le classi e alcuni tra i più importanti scrittori della letteratura per ragazzi. Dalle verità degli adolescenti di Paola Zannoner, vincitrice del Premio Strega Ragazze e Ragazzi + 11, alle parole per crescere di Alberto Pellai, psicoterapeuta e scrittore.

Dalla lezione sui classici della letteratura per ragazzi di Antonio Faeti alla storie necessarie della nostra letteratura raccontate da Marcello Fois. Dalle immagini di Arianna Papini, per dare concretezza ai nostri sogni, alle parole della divulgazione, per leggere il nostro mondo con Editoriale Scienza. Dalla emozioni poetiche di Bruno Tognolini, in rima e in prosa, alle parole delle emozioni per raccontarsi e per raccontare gli altri con il laboratorio di scrittura di Antonio Ferrara. E ancora avremo letture notturne nei luoghi della lettura con Sara Tarabusi. Tutti gli incontri sono gratuiti, rivolti a genitori, insegnanti, bibliotecari, educatori, formatori, appassionati di letteratura per ragazzi.

IL PROGRAMMA

Modena – venerdì 14 settembre

ore 22. 30 – Chiostro di Palazzo S. Margherita
Raccontare o mentire? Confessioni di adolescenti
Conversazione con Paola Zannoner nell’ambito di festivalfilosofia. Conduce Agata
DiaKoviez (in collaborazione con Memo e Biblioteca Civica Antonio Delfini)
Una delle autrici italiane più amate racconta gli adolescenti e le loro confessioni: membri indivisibili di un’unica tribù, alla ricerca della loro identità e della loro verità. Attraverso le parole, che rivelano segreti e creano legami, il futuro fa meno paura e la conoscenza reciproca supera la barriera delle differenze. Tra i suoi ultimi titoli L’ultimo faro (2017, Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2018 +11).

Modena – giovedì 27 settembre

ore 17, Biblioteca Delfini, Sala Conferenze
La concretezza del sogno: dipingere la vita con parole e immagini
Incontro con l’illustratrice Arianna Papini,Premio Andersen 2018 come Miglior Illustratore con la seguente motivazione: “Per essere da tempo una delle migliori e più consapevoli personalità dell’illustrazione italiana. Per la costante originalità di un segno elegante e colto ma, al tempo stesso, vivissimo e cordiale. Per una caparbia e ininterrotta ricerca artistica e figurativa”.
In collaborazione con Memo e Biblioteca Civica Antonio Delfini

Castelnuovo Rangone – venerdì 21 settembre

ore 18 – Sala delle Mura
Le parole per crescere: dalla famiglia a internet, come allenare i figli alla vita
Conferenza di Alberto Pellai nell’ambito di Poesia Festival. Introduce Monica Tappa, giornalista (In collaborazione con Circolo Caos)
Alberto Pellai medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva, è ricercatore presso il dipartimento di Scienze Bio-Mediche dell’Università degli Studi di Milano, dove si occupa di prevenzione in età evolutiva. Nel 2004 il Ministero della Salute gli ha conferito la medaglia d’argento al merito della Sanità pubblica. È autore di molti bestseller per genitori, educatori e ragazzi, tra i quali Tutto troppo presto, Girl R-evolution e, a quattro mani con Barbara Tamborini, I papà vengono da Marte, le
mamme da Venere e L’età dello tsunami, tutti editi da De Agostini.

Vignola -martedì 2 ottobre

ore 17.00 – Biblioteca Francesco Selmi
Scienza da leggere o leggere di scienza?
Una passeggiata tra i libri di divulgazione di Editoriale Scienza con Giacomo Spallacci, responsabile editoriale e Sandro Natalini , scrittore e illustratore.
Editoriale Scienza è una casa editrice specializzata in divulgazione scientifica per ragazzi e rappresenta un punto di riferimento nel panorama editoriale italiano.
Per la scelta e l’ideazione dei libri segnaliamo due linee guida: da un lato la traduzione di volumi pubblicati all’estero, con l’intento di far conoscere in Italia le migliori proposte straniere, dall’altro la collaborazione con autori, ricercatori, esperti e giornalisti scientifici italiani, cercando modi sempre nuovi per raccontare la scienza ai più giovani.

Vignola – venerdì 26 ottobre

ore 18.00 – Biblioteca Francesco Selmi
Renzo, Lucia e io: perché leggere i classici
Conferenza di Marcello Fois Marcello Fois (Nuoro 1960) vive e lavora a Bologna. Tra i tanti suoi libri ricordiamo “Picta” Frassinelli (premio Calvino 1992), e per Einaudi: “Ferro Recente”, “Meglio morti”, “Dura madre”, “Piccole storie nere”, “Memoria del vuoto” (premio Super Grinzane Cavour, Volponi e Alassio 2007), “Stirpe” (premio Città di Vigevano e premio Frontino Montefeltro 2010), “Nel tempo di mezzo” (finalista al premio Campiello e al premio Strega 2012), “L’importanza dei luoghi comuni “ (2013), “Luce perfetta” (premio Asti d’Appello 2016), “Manuale di lettura creativa” (2016), “Quasi Grazia” (2016), “Del dirsi addio” (2017 e 2018) e il libro in versi “L’infinito non finire” (2018). Presenterà al Festival il titolo “Renzo, Lucia e io”, edizioni ADD.
«Leggere un classico è come visitare i sotterranei di una città. In superficie, alla luce del sole, si stratifica il mutamento, ma là sotto, nel sistema circolatorio, si può individuare l’articolazione delle fondamenta, affascinanti, labirintiche, semplificate e sostanziali, come le sinopie sotto gli affreschi.»
(Marcello Fois)

Castelfranco Emilia – venerdì 19 ottobre

ore 17.00 – Biblioteca Comunale Lea Garofalo
Ragazzi in fuga, da Tom Sawyer a Oliver Twist
Lezione di Antonio Faeti sulla pedagogia della lettura.Conduce Agata DiaKoviez
Antonio Faeti è tra le più autorevoli figure nel panorama della cultura per l’infanzia. Nato a Bologna il 23 luglio 1939, dopo aver insegnato per anni alle scuole elementari, è stato titolare, fino al 2000, della prima cattedra universitaria italiana di Storia della letteratura per l’infanzia al Dipartimento di Scienze dell’educazione dell’Università di Bologna. Dal 2000, per otto anni, ha insegnato Grammatiche della Fantasia all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha pubblicato più di trenta volumi, fra saggi, romanzi, libri per ragazzi. Fra i suoi saggi più conosciuti sulla letteratura per ragazzi, l’illustrazione e il fumetto, Guardare le figure, In trappola col topo. Una lettura di Mickey Mouse, I diamanti in cantina.

Mercoledì 14 novembre

ore 17.00 – Biblioteca Comunale Lea Garofalo
Le storie e le rime fatte bene fanno bene
Conferenza di Bruno Tognolini sulla parola poetica.
Bruno Tognolini, nato a Cagliari, ha studiato al DAMS di Bologna, dove ora vive, quando non è in viaggio per i mille incontri con i lettori. Dopo un decennio di teatro negli anni Ottanta (opere con Vacis, Paolini, Baliani), ora lavora a tempo pieno come scrittore, per l’infanzia e non solo. È autore di programmi televisivi (quattro anni di Albero Azzurro e dodici di Melevisione), di libri per bambini, di teatro e di altre narrazioni. Nel 2007, ha ottenuto il premio Andersen come miglior scrittore italiano per ragazzi. Il suo libro “Il giardino dei musi eterni” è stato finalista al Premio Strega
Ragazze e Ragazzi 2018 sezione + 11.

Spilamberto Martedì 27 novembre

ore 17.00 – Spazio Eventi L. Famigli
Noi, gli altri, le parole e la scrittura
Laboratorio di scrittura per emozioni con Antonio Ferrara
Per proporre la scrittura come pratica privilegiata per nominare e condividere le proprie emozioni, per fare educazione sentimentale. La scrittura come prolungamento del sentimento.
Antonio Ferrara è autore, illustratore e formatore. Nel 2012 ha vinto il Premio Andersen per la fascia over 15 anni con il libro Ero cattivo, il cui protagonista è un adolescente vittima di pregiudizi. Ha lavorato per sette anni presso una comunità alloggio per minori. Ha pubblicato con diverse case editrici, come Mondadori, Rizzoli, Salani, San Paolo, Interlinea, Condè Nast, Falzea, Tolbà, Fatatrac, La Compagnie Creative, Artebambini, Nuove Edizioni Romane. Tiene laboratori di scrittura creativa per ragazzi, insegnanti, detenuti e degenti presso scuole, biblioteche, librerie, carceri, associazioni culturali e ospedali.

NOTTI DI PAURA IN BIBLIOTECA

A Vignola e a Montale tornano le notti in biblioteca con Sara Tarabusi, dalle 21.15 alle 23.00, tutti i bambini da 8 a 12 anni (senza accompagnatori) potranno percorrere gli spazi delle biblioteche per uno splendido viaggio al buio tra scaffali e libri, dove le storie di paura prendono vita. A Vignola venerdì 28 settembre presso la Biblioteca Francesco Selmi (info e prenotazioni: 059/771093) e a Montale Rangone sabato 13 ottobre, presso la Biblioteca A. Lori (info e prenotazioni: 059/530527). L’evento è senza accompagnatori. E’ necessario portarsi una torcia.
Da Bernard Friot a Chris RIddell: quanti modi ci sono per raccontare una storia di paura? Dalle situazioni surreali di Bernard Friot alle inquietanti illustrazioni di Chris Van Allsburg, vi proponiamo un viaggio tra i racconti più belli della letteratura per ragazzi, nel buio della biblioteca per rendere le parole più vere ed emozionanti e le trame infinite. Alla fine del percorso troveremo la luce, come in ogni storia. Sara Tarabusi si è diplomata all’Accademia Antoniana di Arte Drammatica di Bologna. Ha acquisito il titolo di “Esperto di animazione teatrale” presso l’’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. Nel 2003 si è laureata con il massimo dei voti e lode in Teatro d’Animazione, al D.A.M.S., indirizzo teatro, Facoltà di Lettere e Filosofia, ’Università di Bologna. Nel 2004-2005 frequenta l’Accademia Drosselmeier per librai presso la Cooperativa Culturale Giannino Stoppani di Bologna, dalla quale nasce il progetto della libreria specializzata per ragazzi “Castello di Carta” inaugurata il 16 settembre 2005 a Vignola (Mo). Svolge attività di attrice ed operatrice teatrale nell’ambito del teatro ragazzi e realizza progetti di promozione alla lettura per enti, biblioteche e scuole.

CORSI SULL’USO DELLA VOCE

A ottobre e novembre tornano i corsi (a pagamento) a cura di Sara Tarabusi, sull’uso della voce e sulla lettura animata. 

  • Corso di base sull’uso della voce e lettura animata “Gocce di voce”: martedì 9 e 16 ottobre a Modena, dalle 18 alle 19.30 presso la sede CSI in via Del Caravaggio, 71; giovedì 8 e 15 novembre dalle 18 alle 19.30 presso la Biblioteca Comunale Lea Garofalo di Castelfranco Emilia.
  • Corso avanzato di lettura espressiva, interpretazione del testo e animazione del libro “Leggiamo, interpretiamo e animiamo”: martedì 6 e 13 novembre a Modena, dalle 18 alle 19.30 presso la sede CSI in via Del Caravaggio, 71. I corsi sono a pagamento: info e prenotazioni: Castello di Carta 059/769731, [email protected]

FESTIVAL IN CENTRO STORICO E INCONTRI CON LE SCUOLE

Il Festival in centro storico tornerà a Modena il 3,4,5 maggio 2019, con i migliori autori del panorama nazionale ed internazionale della letteratura per ragazzi.
Per le SCUOLE che vogliono partecipare agli incontri con gli autori prenotazioni da lunedì 1 ottobre 2018: 059/769731 – [email protected]

12 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»