Kenya, al via tra le proteste le demolizioni nello slum di Kibera

ROMA – Al via tra le proteste le demolizioni di case, scuole e botteghe a Kibera, uno degli slum piu’ estesi di Nairobi. La decisione, che a oggi non prevede alcun tipo di compenso o ricollocamento per gli abitanti, e’ stata adottata dalle autorita’ keniane per far posto a una nuova superstrada.

Leggi anche:

Secondo il quotidiano ‘The Star’, ieri la Commissione nazionale per le terre e la Commissione nazionale per i diritti umani hanno motivato il rifiuto a garantire risarcimenti con il fatto che gli appezzamenti occupati dalla baraccopoli sono proprieta’ pubblica.
La superstrada dovrebbe collegare Ngong Road alle aree di Kungu Karumba e Lang’ata. Le demolizioni riguarderanno anche i villaggi di Mashimoni, Lindi, Kambi Muru e Kisumu Ndogo. A Kibera vivono tra i 500mila e il milione di abitanti, tra i piu’ poveri di Nairobi.

Ti potrebbe interessare:

12 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»