Politica

Tribunale Bari, Pd alla Camera contro Bonafede: “Onestà, Onestà”

ROMA – “Per i gravi fatti emersi sul trasferimento del tribunale di Bari un quotidiano segnala fatti gravi che inficiano il decreto. A nome del Pd chiedo il rinvio della discussione ad altra data e chiediamo che su questi fatti il ministro della Giustizia venga a riferire in aula quanto prima, anche in giornata per chiarire quali siano i fatti denunciati anche da altri colleghi”. Lo chiede in aula alla Camera il deputato Pd Emanuele Fiano, dove e’ in discussione il dl sul tribunale di Bari. Noi, aggiunge, “abbiamo il dovere di fronte ai cittadini di ascoltare il ministro Bonafede”, affinche’ “possa smentire quanto apparso oggi” sul quotidiano ‘la Repubblica’, e cioe’ che il trasferimento della sede del tribunale “avverrebbe, eventualmente, in una proprieta’ di persona legata ad attivita criminali“. Questo “sarebbe molto grave ma il ministro deve dirlo in aula”. La presidente della Commissione Giustizia Giulia Sarti si e’ detta “contraria” al rinvio, mentre Paolo Sisto di Forza Italia ha convenuto con la necessità di un rinvio e di ascoltare il ministro della giustizia. Anche altre forze opposizione hanno chiesto il rinvio. Nel corso della accesa discussione dai banchi dell’opposizione si e’ levato il coro “onestà, onestà, onestà”.

BONAFEDE: “PROCEDURA IMMOBILE BARI TRASPARENTE”

“La procedura di individuazione dell’immobile destinato a ospitare gli uffici giudiziari baresi è stata eseguita nel pieno del rispetto delle regole, in maniera pubblica e pienamente trasparente”. Lo scrive su Facebook Alfonso Bonafede, ministro della Giustizia. “La commissione- aggiunge- ha aggiudicato a chi ha ottenuto il miglior punteggio, e sono stati avviati tutti i controlli previsti dalla legge”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

12 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»