Welfare

Migranti soccorsi in mare, muoiono in 4 nella stiva

ROMA  – Tragedia in mare, muoiono 4 persone. Tra le vittime anche un ragazzino. A raccontarlo è Emergency, che si è occupata del salvataggio dei migranti insieme al Moas a bordo della nave Responder.

“500 persone avvistate in mare aperto e ora salve su Responder. Emergency e Moas al lavoro dalle 4.30”. avevano twittato dall’account di Emergency , che poi aveva precisato: “4 persone morte nella stiva, 1 in condizioni critiche, molte intrappolate. Servono corridoi sicuri e legali per l’Europa“.

Anche la presidente di Emergency, Cecilia Strada, ha scritto: “I colleghi di Emergency a bordo del Responder si stanno occupando di un naufrago raccolto in condizioni critiche. Buon lavoro”. E ancora: “Il Responder soccorre una barca con oltre 400 persone. Uno in condizioni critiche e 4 morti nella stiva, purtroppo”.

LE VITTIME

“A bordo c’erano 352 persone. Molte donne, molti bambini. Raccontare il recupero di oggi fa davvero male: nella stiva del barcone abbiamo trovato 4 corpi senza vita. Uno era un ragazzino, a guardarlo non ha più di 13 anni. Mimmo e Gigi, il nostro medico e il nostro infermiere, sono intervenuti immediatamente per assistere altre tre persone in condizioni molto critiche. Ne hanno rianimate due, erano in arresto respiratorio probabilmente da asfissia. I cadaveri sono nella nostra morgue. Ora ci stiamo dirigendo a nord. Quanto avremmo voluto non ricevere questo aggiornamento dal Responder, oggi”. Cosi’ sul sito di Emergency in merito al salvataggio di oggi.

12 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»