Fico: “Ong del Mediterraneo fanno solidarietà. Paesi siano uniti”

ROMA – “Le Ong che lavorano nel Mediterraneo fino a prova contraria sono organizzazioni che fanno e danno solidarietà. Fanno un grande lavoro”. Da Napoli il presidente della Camera, Roberto Fico, torna a difendere le organizzazioni non governative attive nel salvataggio dei migranti. “Se c’è qualcosa che non va in una Ong – avverte – non significa che anche tutte le altre non vanno. E’ come dire che se un politico è corrotto lo sono tutti. Non bisogna fare di tutta l’erba un fascio“. Ma chiarisce: “la mia non è una contrapposizione a Danilo Toninelli. Bisogna ragionare – continua Fico – non andando verso lo scontro o facendo polarizzazioni tra “buoni e cattivi” ma avendo un pensiero che sia vicino alla complessità del momento. Ci si deve mettere a un tavolo e bisogna ragionare su quello che vogliamo fare”. Per affrontare le emergenze future “occorre sedersi ai tavoli europei – sottolinea – e parlare del regolamento di Dublino”.

 

“PAESI MEDITERRANEO SIANO UNITI PER SOLIDARIETÀ EUROPEA”

“Io ringrazio la Spagna che ha fatto un gesto di solidarietà. I Paesi del Mediterraneo devono essere uniti nel chiedere una politica differente all’Europa”. Così Roberto Fico, presidente della Camera, parlando della vicenda Aquarius a margine di un incontro all’università di Napoli Federico II.  La terza carica dello Stato chiede che ci sia una “solidarietà europea condivisa” sui migranti, in particolare “devono esserci – dice – quote proporzionali distribuite in modo equo, secondo calcoli giusti. E’ quella la direzione”.

Ti potrebbe interessare:

12 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»