In tv ‘Song’ e Napule’, la commedia-poliziesca dei Manetti Bros

ROMA – Per tutti quelli che hanno amato ‘Ammore e malavita’, ma che non hanno ancora visto il film partenopeo d’esordio dei Manetti Bros, l’appuntamento da non perdere è questa sera su Rai2 alle 23.10 con ‘Song ‘e Napule’. Presentato in anteprima fuori concorso al Festival del cinema di Roma nel 2013, la pellicola ha ottenuto unanime consenso di critica e pubblico. Il film è un mix di diversi generi che non permettono di etichettarlo in una categoria ben definita, e in questo forse risiede la sua forza e la cifra stilistica degli autori. Nel film poliziesco, giallo e commedia si mischiano perfettamente portando lo spettatore a ridere anche di temi delicati.

Nel cast oltre a Peppe Servillo e Carlo Buccirosso, spicca Giampaolo Morelli, l’attore feticcio dei Manetti Bross- presente anche nel cast del loro ultimo film e protagonista della serie tv “L’ispettore Coliandro”- che di ‘Song’ e Napule’ e’ anche uno degli sceneggiatori. Proprio da Morelli, infatti, è nata l’idea di raccontare quella Napoli fatta di cantanti neomelodici e matrimoni infiniti, che l’attore di origini partenopee conosce bene. L’arte dei due registi romani ha fatto il resto, portando perfettamente sul grande schermo uno spaccato di realtà appartenente a una piccola parte d’Italia.

La trama

Paco Stillo (Alessandro Roja) è un pianista diplomato al conservatorio e disoccupato. Non riuscendo a trovare lavoro nel suo ambito, grazie a una raccomandazione politica viene assunto in polizia come addetto in un deposito giudiziario. Le sue doti di pianista arrivano però alle orecchie del commissario Cammarota (Paolo Sassanelli) che decide di reclutarlo per catturare il camorrista O’ Fantasma (Peppe Servillo). Paco dovrà suonare nel gruppo del famosissimo cantante neomelodico napoletano Lollo Love (Giampaolo Morelli) al matrimonio della figlia di un noto boss malavitoso. La speranza è che O’ Fantasma partecipi all’evento e possa così essere catturato.

 

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

12 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»