Veneto, servono 10 ballottaggi. E ci sono alcune sfide 'fratricide' - DIRE.it

Veneto

Veneto, servono 10 ballottaggi. E ci sono alcune sfide ‘fratricide’

VENEZIA – Sarà ballottaggio in 10 Comuni veneti. L’elezione del sindaco è infatti rimandata al 25 giugno a Padova, Abano e Vigonza, nel padovano, Verona e Cerea, nel veronese, Jesolo, Marcon, Mira e Mirano, nel veneziano, e Belluno. A Padova la sfida sarà tra il leghista Massimo Bitonci e Sergio Giordani, che si presenta con una lista civica appoggiata dal Partito democratico. Ad Abano, Comune commissariato dopo l’arresto del precedente sindaco di centrodestra, Luca Claudio, si confronteranno Federico Barbierato (Pd, 29,94% di preferenze al primo turno) ed Emanuele Boccardo (Lega Nord, 26,53% di preferenze al primo turno). A Vigonza i due candidati in gioco sono Innocente detto Stefano Marangon, che si presenta con una lista civica (31,23% di preferenze), e il democratico Cesare Paggiaro (26,44% di preferenze).

Comunque vada a Verona il sindaco sarà di centrodestra, dato che la democratica Orietta Salemi è rimasta esclusa dal ballottaggio a favore della compagna dell’ex sindaco Flavio Tosi, Patrizia Bisinella (23.54%), che sfiderà il candidato leghista Federico Sboarina (29,26%). A Cerea, il candidato civico sostenuto anche dalla Lega Nord Marco Franzoni (48,64%) ha rischiato di passare al primo turno ma dovrà invece affrontare Paolo Bruschetta (Lista civica, 22,37%) al ballottaggio. Jesolo sarà teatro di un’altra sfida in casa, in quanto il sindaco uscente Valerio Zoggia (appoggiato da Forza Italia, al 42,94% di preferenze), affronterà Alberto Carli (Lega Nord, 30,07%).

A Marcon il democratico Vito Caputo (36,83%) si scontrerà con il leghista Matteo Romanello (30,55%), mentre a Mira un altro democratico, Marco Dori (33,91%) affronterà Antonella Trevisan (25,22%) candidata con una lista fucsia appoggiata dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e dalla Lega Nord. Mirano vedrà un altro scontro tra Pd e Lega Nord, con Maria Rosa Pavanello (38,7%) che sembrerebbe avere vita facile contro Alberto Semenzato (14,55%). A Belluno, infine, lo scontro sarà tra due coalizioni di liste civiche, con il sindaco uscente Jacopo Massaro in vantaggio su Paolo Gamba, e il consigliere regionale leghista Franco Gidoni che rimane tagliato fuori.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

12 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»