Al Quirinale i David di Donatello 2015, Franceschini annuncia 106 milioni per il cinema nel 2015 - DIRE.it

Cultura

Al Quirinale i David di Donatello 2015, Franceschini annuncia 106 milioni per il cinema nel 2015

david donatelloSi è svolta questa mattina al Palazzo del Quirinale, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la presentazione dei candidati al Premio “David di Donatello” per l’anno 2015.

La cerimonia è stata aperta dagli interventi di Gian Luigi Rondi, Presidente dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi “David di Donatello”, del maestro Nicola Piovani che ha portato il saluto a nome del Cinema italiano, e di Dario Franceschini, Ministro per i Beni e le Attività Culturali. Dopo la presentazione dei candidati, il Capo dello Stato ha pronunciato un discorso.

Dal titolare del Mibact arriva una buona notizia: “Come Governo stiamo cercando di fare la nostra parte. Oggi ci sono condizioni ineguagliabili per i produttori cinematografici. Nel Fus- Fondo unico per lo spettacolo- quest’anno il cinema avrà a disposizione 106 milioni di euro, cioè il 18% in più del 2014, a cui vanno aggiunti altri 36 milioni di euro per i debiti pregressi che non venivano pagati da anni. Ci sono poi i 115 milioni del tax credit”. Per poi aggiungere: “Per la prima volta la produzione audiovisiva destinata alla televisione e al web può beneficiare di un sostegno pubblico diretto a rafforzare la produzione indipendente italiana e ad attrarre investimenti esteri e valorizzare il patrimonio e l’immagine dell’Italia all’estero”.

In conclusione Franceschini ha annunciato la nascita di un Museo dell’audiovisivo e del cinema “dove verrà creato anche un laboratorio per il restauro delle pellicole, finalizzato alla salvaguardia dell’enorme patrimonio filmico esistente negli archivi di Cinecittà, del Centro Sperimentale di cinematografia e in molti altri archivi”.

Alla Cerimonia erano presenti il Presidente dell’Agis, Carlo Fontana, il Presidente dell’Anica, Riccardo Tozzi,  esponenti della cultura, dell’arte, dello spettacolo, dell’industria e personalità rappresentative della società italiana. Nella Sala degli Arazzi c’erano moltissimi dei candidati ai David 2015: Nanni Moretti, Margherita Buy e Giulia Lazzarini per Mia madre, Elio Germano e Mario Martone per ‘Il giovane favoloso’, Valeria Golino per ‘Il ragazzo invisibile’, Alba Rohrwacher e Saverio Costanzo per ‘Hungry Hearts’, Alessandro Gassman e Luigi Lo Cascio per ‘Il nome del figlio’, Jasmine Trinca e Riccardo Scamarcio per ‘Nessuno si salva da solo’, Paola Cortellesi per ‘Scusate se esisto!’.

 

 

12 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»