Roma, Metro C: sette anni di ritardo per la fermata San Giovanni, a Colosseo nel 2022 - DIRE.it

Lazio

Roma, Metro C: sette anni di ritardo per la fermata San Giovanni, a Colosseo nel 2022

ROMA – Dodici anni di lavori, con la posa della prima pietra nel 2006, sette anni di ritardo e tante polemiche. Ma ora è una stazione gioiello. L’inaugurazione della stazione di San Giovanni della linea C doveva arrivare nel 2011 ma, rinvio dopo rinvio, è stata festeggiata solo questa mattina.

LEGGI ANCHE: Roma, ecco la stazione di San Giovanni della Metro C

Il cronoprogramma ufficiale dell’opera, stilato ai tempi dell’amministrazione Veltroni, prevedeva tre step per l’apertura della linea C. Nel 2011 avrebbe dovuto aprire la tratta Pantano-San Giovanni, quella, di fatto, operativa da oggi. Nel 2013 la tratta San Giovanni-Colosseo e nel 2015 la Colosseo-Clodio, la famosa tratta T2 con le fermate nel centro storico.

Questo programma subì i primi clamorosi ritardi già un paio di anni dopo il via dei lavori. Ai tempi dell’amministrazione Alemanno Metro C spa decise la “fasizzazione” della tratta fino a San Giovanni prevedendo un’inaugurazione in tre step. Effettivamente la prima tratta di 15 stazioni, Pantano-Centocelle è entrata in esercizio il 9 novembre 2014 e la seconda tratta di 6 stazioni, Mirti-Lodi il 29 giugno 2015.

Oggi, finalmente, arriva San Giovanni con il suo nodo di scambio tra linea C e linea A. Il prossimo passo sarà l’apertura della tratta San Giovanni-Colosseo, con l’unica fermata intermedia di Ipponio-Amba Aradam, che sarà una stazione museo ancora più bella di San Giovanni grazie al ritrovamento della casa del Comandante e delle caserme romane con i suoi mosaici policromi ed affreschi.

Le talpe meccaniche, le ‘tunnel boring machine’ che scavano i tunnel sotterranei, sono partite da poche settimane. E la tratta potrebbe essere inaugurata nella seconda metà del 2022.

Entro due anni, infine, dovrebbe concludersi la project review, ovvero la revisione progettuale, della tratta Colosseo-Clodio con le fermate Venezia, Chiesa Nuova, o al suo posto, come sembra, Navona, e poi San Pietro ed Ottaviano. Questa parte di linea deve essere ancora finanziata e non esiste un cronoprogramma anche se l’amministrazione M5s guidata da Virginia Raggi ha da poco annunciato l’idea di volerla realizzare.

12 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»