AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Di Battista, gaffe sui vaccini: li vuole gratis, ma lo sono già. Pini (Pd): “Fatto, tu eri assente”


ROMA – “La nostra proposta è vaccini gratuiti. La gratuità dei vaccini è più importante dell’obbligatorietà”. Così il deputato pentastellato Alessandro di Battista è intervenuto ieri, durante la trasmissione ‘Piazzapulita’, sul dibattito scatenato dalla volontà del ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, di rendere obbligatori i vaccini per l’accesso agli asili pubblici.

Una proposta di buonsenso, quella del deputato pentastellato, che ignora però un fatto: i vaccini in Italia sono già gratuiti.

A far notare la gaffe dell’esponente 5 stelle, è stata lo stesso ministro Lorenzin che, durante la trasmissionie, ha twittato: “Volevo informarvi che con il Piano Nazionale Vaccini in Italia i vaccini sono già gratuiti”.

Rincara la dose la deputata dem Giuditta Pini, che prova a spiegare al collega M5S come stanno le cose: “Di Battista propone i vaccini gratuiti in TV. I vaccini in Italia sono garantiti dal 1939, ma alcuni dei nuovi vaccini erano stati sottoposti al pagamento del ticket negli ultimi anni. Abbiamo abolito il ticket per tutti i vaccini e li abbiamo resi gratuiti per i nuovi nati con la stabilità 2017. Di Battista non lo sa perché quel giorno era assente. Il Movimento 5 Stelle ha votato contro quella manovra. #bravimabasta”.

RENZI A M5S: TEMPO SMONTERÀ BUGIE E FALSITÀ

Sulla polemica interviene anche Matteo Renzi. In un post su Facebook il segretario dem si dice “Molto fiero del lavoro dei parlamentari del Pd come Giuditta Pini. E molto fiero del lavoro fatto per la Legge di Bilancio 2017, l’ultimo atto di governo dei #millegiorni”.

Secondo l’ex premier “Il tempo smonterà una per una tutte le bugie e le falsità che ci hanno tirato addosso. Noi senza rabbia mettiamo al centro i bisogni degli italiani, non le polemiche di chi sta in Parlamento ma non ha tempo per seguire le leggi approvate. Brava Giuditta, avanti insieme”.

di Michele Bollino

12 maggio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram