Violenza sessuale e soldi per superare gli esami: a Bari sospeso docente universitario

Per F. V. chiesto rinvio a giudizio. Insegnava diritto privato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(Foto da sito Uniba.it)

BARI – “Il rettore, stante la gravità dei fatti contestati, ha tempestivamente avviato il procedimento finalizzato alla sospensione cautelare dal servizio di F. V. dandone comunicazione all’interessato”. È quanto si legge in una nota diffusa dall’Ateneo di Bari in seguito alla richiesta di rinvio a giudizio del docente universitario per i reati di concussione, tentata concussione, violenza sessuale aggravata e tentata violenza sessuale nei confronti di due studentesse. I fatti contestati risalgono agli anni 2011-2015 quando il professore di Diritto privato avrebbe chiesto alle presunte vittime minacciandole, prestazioni sessuali e, a una delle due, anche soldi per superare gli esami.

“Il rettore ha invitato la commissione di indagine (che ha il compito di procedere all’accertamento delle eventuali responsabilità del docente coinvolto, ndr) a riprendere i propri lavori già dalla prossima settimana e ha azionato il procedimento disciplinare, trasmettendo gli atti al Collegio di Disciplina dell’Ateneo”. L’ateneo esprime fiducia nell’operato della magistratura e ribadisce la centralità dello studente, richiamando i valori etici dell’integrità, della lealtà e del rispetto della trasparenza, quali elementi cardine ai quali tutti i componenti della comunità accademica devono conformarsi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»