Europee, riecco Civati: sarà candidato nella lista dei Verdi

L'ex esponente di Pd e LeU sceglie la lista ecologista: "Al servizio di ragazzi come Greta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho frequentato persone, idee e parole che mi hanno confermato che le cose più importanti stanno fuori dai dibattiti correnti e corrivi della politica italiana. Ho trovato più senso nelle pagine di Langer e negli appelli di Greta che in milioni di ore di dibattiti televisivi e social, pieni di propaganda, di trucchi, di truffe. Di cose insensate. Le questioni, quelle vere, stanno tutte insieme, una dentro l’altra come in una matrioska. La figura, la bambola più grande è quella del clima”. Lo scrive sul proprio blog Giuseppe Civati, fondatore di Possibile, annunciando la candidatura alle Europee con la lista Europa Verde.

“Anche se appare piccola (minuscola in Italia)- aggiunge Civati- è gigantesca. Dentro ci stanno tutte le altre, le disuguaglianze, le migrazioni, il nostro modello di sviluppo. E il baratro che si sta aprendo davanti a noi. È per questo che troverete il mio nome nelle liste dell’Europa Verde nel Nord Ovest e nel Centro Italia (con Possibile per i Verdi europei, insomma)”.

“Per un paio di mesi- continua- darò una mano a una proposta di cambiamento radicale dell’Unione europea e del mondo (l’Unione europea a questo deve servire, a cambiare il mondo) e alla questione di cui tutti saranno presto obbligati ad occuparsi. Se non lo faranno, saremo spacciati”.

“Mi metto al servizio dei ragazzi che vogliono salvare il pianeta – aggiunge Civati nel suo post -a e che hanno già cominciato a salvare l’anima di tutti quelli che li ascoltano. Alla testa della lista saranno ragazze speciali, favolose, perché come dice uno slogan bellissimo «tocca a loro»: come un candidato tra gli altri, in rigoroso ordine alfabetico, porterò avanti le cose di cui in questi mesi ho sentito parlare ovunque, tranne che nei salotti politici. Non cerco un posto, ho avviato un’attività che proseguirà il suo lavoro, ma do il mio contributo perché l’Italia ha il dovere di diventare un posto migliore. E così l’Europa, di cui facciamo parte, per ragioni molto importanti, anzi, decisive. Questo è quanto, per oggi. Ora esco. È venerdì. Passo a prendere Nina a scuola e ci vediamo in piazza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»