DIRETTA | Alla Dire si parla di voto, sovranismi e diritti delle donne

Approfondimento a cura di Sandra Zampa, ospiti Emma Bonino e Diletta Alese. Diretta Facebook a partire dalle 15 di venerdì 12 aprile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Il voto per il rinnovo dell’Europarlamento rappresenterà per la vita e i diritti delle donne in tutti i paesi dell’Unione un vero spartiacque. I sovranismi che attraversano l’Europa e ne contestano l’esistenza e il processo unitario rischiano di mettere in discussione anche le conquiste che hanno reso più forti le donne e meno diseguale la loro condizione. Ma “di quale Europa hanno bisogno i diritti delle donne” per crescere in direzione di una reale parità di genere? Di questo parleremo domani,venerdì 12 aprile alle 15, nella sede nazionale dell’agenzia Dire, con Emma Bonino, senatrice della Repubblica, leader di Più Europa; Diletta Alese, segretaria della Gioventù Federalista Europea di Roma, nel consueto approfondimento di DireDonne a cura della giornalista Sandra Zampa che modererà l’incontro.

LA DIRETTA SULLA PAGINA FACEBOOK DELL’AGENZIA DIRE 

Se l’Europa è stata un’opportunità per i diritti delle donne dagli anni ‘50, abbiamo dovuto constatare quante conquiste siano state e siano oggi messe in discussione dai tagli al welfare e dal prevalere di un’ottica attenta solo a equilibri di finanza di breve respiro. Oggi siamo a un bivio. Le elezioni di maggio ci diranno quale strada imboccherà l’Europa, e quale strada potranno percorrere i diritti delle donne. L’approfondimento potrà essere seguito in diretta collegandosi alla pagina Fb dell’agenzia Dire e i momenti salienti potranno essere seguiti nel videoservizio riepilogativo che sarà online sul sito dell’Agenzia.

I CURRICULUM 

Diletta Alese

Emma Bonino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»