Calenda: “+Europa ha detto no, il fronte unitario degli europeisti non ci sarà”

Lo comunica su twitter l'ex ministro Calenda, autore dell'appello 'Siamo Europei'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Piu’ Europa ha definitivamente chiuso all’ipotesi di fare una lista unitaria anche dopo l’offerta del Pd di piena e paritetica visibilità dei loghi sotto un ombrello comune. Il fronte unitario delle forze europeiste non ci sarà. È un grave errore. Peccato @SiamoEuropei”. Lo scrive Carlo Calenda su twitter.

EUROPEE. DELLA VEDOVA A CALENDA: NESSUN RIFIUTO MA CONDIVISIONE

“Caro Carlo, nessun rifiuto ma condivisione con Nicola Zingaretti: ci sarà lista @AldeParty e lista PSE, con visione comune a SiamoEuropei. Collaborazione per alternativa a governo giallo-verde. Faremo campagna per innovazione, industria, ambiente, libero commercio”. Cosi’ il segretario di Piu’ Europa Benedetto Della Vedova risponde a Carlo Calenda.

EUROPEE. CALENDA A DELLA VEDOVA: TATTICISMO LINGUISTICO, MI DISPIACE

“Benedetto avete detto di no alla lista unitaria. Era nel vostro pieno diritto farlo. Ma per cortesia evitiamo i tatticismi linguistici. Essendo stato un vostro sostenitore dal primo giorno ne sono dispiaciuto ma vi auguro comunque un successo elettorale e un buon lavoro in UE”, scrive Carlo Calenda, in un messaggio a Benedetto Della Vedova su twitter.

LEGGI ANCHE:

Europee, Calenda avverte Zingaretti: “Se il Pd va con il suo simbolo è incompatibile con il mio progetto”

Europee, Rossella Muroni lancia ‘l’onda verde e civica’: “Non sarà lista ‘rosso-verde’”

Europee, Calenda: “Obiettivo 30% con elettori del centrodestra delusi da Salvini”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»