Tg Politico, edizione del 12 marzo 2019

Tg Politico, edizione del 12 marzo 2019

TAV, CHIAMPARINO CHIEDE IL REFERENDUM, CONTE: NON PREVISTO

Ancora caos sulla Tav. Il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, scrive al ministro dell’Interno Matteo Salvini per chiedere di accorpare un referendum sulla Torino-Lione alle elezioni regionali e europee, e lamenta di non aver mai potuto interloquire su questo col presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Gelida la risposta del premier: “Sulla Tav non è prevista una consultazione e Chiamparino non mi ha mai chiamato. A chi rispondo?”

NAVIGATOR, PACE TRA GOVERNO E REGIONI

La pattuglia dei Navigator, i tutor che dovranno aiutare i beneficiari del reddito di cittadinanza a trovare lavoro, è stata dimezzata. Saranno tremila anziche’ seimila le figure che verranno reclutate dall’Anpal e che poi verranno inserite nei centri per l’impiego. Oggi in Conferenza unificata è stato siglato l’accordo tra governo e regioni dopo settimane di polemiche. I Navigator saranno impiegati solo come supporto tecnico. Alle regioni garantite maggiori risorse per le politiche attive e nuove assunzioni nei centri per l’impiego.

MATTARELLA: SERVONO MISURE CONCORDATE CONTRO CRISI CLIMATICA

Misure concordate a livello globale per scongiurare la crisi climatica. A chiederle il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Siamo sull’orlo di una crisi climatica globale, avverte il Capo dello Stato a Belluno per la commemorazione dell’alluvione in Veneto dello scorso autunno. E’ da sprovveduti, aggiunge, evocare la straordinarietà di fatti che si affacciano sul nostro pianeta per giustificare la noncuranza verso progetti di più lungo periodo.

REVENGE PORN, LA PROPOSTA DI UN REATO AD HOC

Un reato ad hoc contro il revenge porn. Forza Italia chiede di tutelare le vittime della diffusione non autorizzata di immagini tratte dall’intimita’ di coppia, con pene fino a sei anni di reclusione e la sanzione fino a 5mila euro. Un reato che colpisce spesso le donne, fatte oggetto di una vendetta da parte degli ex compagni. Nella proposta del senatore Enrico Aimi possibile ritirare la denuncia solo davanti al giudice. Una tutela in piu’ dalle intimidazioni.

A MONTECITORIO LA PROTESTA DEI CICERONI: SERVE UNA LEGGE 

Una legge per le guide turistiche. Centinaia di ‘ciceroni’ hanno manifestato stamattina davanti alla Camera dei deputati per chiedere una normativa nazionale che regolamenti la professione. Sul tavolo la richiesta di maggiori tutele e la volonta’ di stoppare da un lato discipline regionali che prevedono corsi abilitanti e dall’altro le multinazionali del turismo. “Vogliono fare cassa sui nostri beni culturali”, denunciano le guide.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

12 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»