Europa

Slovacchia, omicidio Kuciak: si dimette il ministro dell’Interno

ROMA – Il ministro dell’Interno e vicepremier della Slovacchia, Robert Kalinak, ha annunciato oggi le proprie dimissioni come negli ultimi giorni avevano chiesto migliaia di cittadini dopo l’omicidio del giornalista Jan Kuciak. Il giovane cronista – ritrovato morto il mese scorso assieme alla propria compagna – stava conducendo un’inchiesta che avrebbe secondo alcuni dimostrato un eventuale collegamento tra gli esponenti del governo e la ‘ndrangheta italiana. “Ho deciso di dimettermi. Credo che con questo gesto – ha detto ormai l’ex ministro – contribuiro’ a stabilizzare la situazione nel Paese”.

Nei giorni scorsi migliaia di persone sono scese in strada a Bratislava e non solo, per chiedere le dimissioni del governo e una stretta contro la corruzione e la criminalita’ organizzata

Secondo i media locali, almeno 40mila hanno sfilato solo nella capitale, una folla che non si vedeva dalle proteste del 1989, l’anno della caduta del Muro di Berlino. “La mia priorita’ – ha detto Kalinak – e’ far luce su questo doppio omicidio. Dobbiamo sapere chi e perche’ lo ha fatto”. Dopo lo scandalo Kuciak uno dei partiti della coalizione al potere, Most Hid, aveva minacciato di uscire se il vicepremier non si fosse dimesso. Nel pomeriggio, i vertici del partito si riuniranno per decidere se restare o abbandonare comunque il premier Robert Fico. Quest’ultimo nei giorni scorsi ha proposto di risolvere la crisi con un rimpasto di governo ed elezioni anticipate.

12 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»