Cento giorni alla maturità: "Io so di non sapere, un 60 per piacere"

Giovani

Cento giorni alla maturità: “Io so di non sapere, un 60 per piacere”

ROMA – Scattano oggi i 100 giorni alla maturità. Non manca molto al tanto atteso esame finale che crea ansia e preoccupazione agli studenti. I maturandi però, nonostante l’angoscia, come di consueto organizzano i festeggiamenti prima della “fine”. C’è chi parte per un fine settimana insieme a tutta la classe e chi resta nella propria città organizzando una festa; ma tutti, nessuno escluso, hanno un solo obiettivo: divertirsi e dimenticare, per una giornata, che a breve dovranno confrontarsi con le prove scritte e la temuta commissione all’orale.

Su twitter intanto si scatenano i commenti: “Tra 100 giorni starò affrontando la famosa notte prima degli esami ma non ero ieri in prima elementare?” si interroga Ila. “Nonostante l’odio, i pianti la fatica, la voglia di mollare tutto e di non rivedere mai più nessuno festeggerò i 100 giorni alla maturità con un velo di malinconia perché tutto questo mi mancherà” riflette l’utente AriGiuri. C’è Sara che è preoccupata perché non sa “ancora da dove iniziare la tesina” e Kevin che ironizza: “Offerte per i 100 giorni: non si boccia ma si sboccia“. E se un altro utente dichiara “Voglio solo dormire fino all’1 agosto”, Giuli ammette: “Io so di non sapere, un 60 per piacere”.

12 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»