Sindacati Basilicata a Eni: “Rispettare gli accordi sui lavoratori”

POTENZA – Una nota congiunta per denunciare “il mancato rispetto da parte di Eni degli accordi sottoscritti con le organizzazioni sindacali che, pertanto, sono stati disattesi”.

A presentare l’esposto sulla situazione contrattuale dei lavoratori del Centro oli Eni di Viggiano e dell’indotto sono i sindacati lucani a margine dell’incontro che si e’ svolto stamani a Potenza nella sede della Cgil Basilicata al quale hanno partecipato le segreterie confederali Cgil, Cisl e Uil insieme ai sindacati di categoria dei chimici e dei metalmeccanici.

In particolare, vengono evidenziate “le problematiche relative ai livelli occupazionali che non sono stati garantiti nel cambio degli appalti insieme alle differenze salariali e di applicazione dei contratti collettivi nazionali”. Pertanto, “le organizzazioni sindacali – prosegue la nota – hanno deciso di rilanciare l’attivita’ sindacale nei confronti di Eni e Regione Basilicata al fine di ripristinare gli accordi in essere e rivedere il Protocollo di sito in funzione delle modifiche avvenute e i problemi riscontrati nella sua applicazione”.

12 Feb 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»