Emilia Romagna

All’Ausl di Modena lo smartphone fa la fila al posto tuo

BOLOGNA – Fare la fila agli sportelli dell’Ausl di Modena senza muoversi da casa o magari sorseggiando un caffè al bar. Ora è possibile grazie a un’innovativa soluzione tecnologica che consente di prendere il biglietto per la fila tramite smartphone, conoscere in tempo reale il numero di persone davanti a sé e ricevere una notifica all’avvicinarsi del proprio turno. Tutto in un’app semplice e gratuita, Qurami, sulla quale l’Ausl di Modena è presente con i suoi sportelli unici di accesso di Carpi e Castelfranco Emilia, con l’obiettivo di allargare progressivamente il servizio alle altre sedi.

Si potrà così prendere il numero del proprio turno direttamente dallo smartphone per servizi come la prenotazione di visite e esami, il cambio del medico, la richiesta di esenzioni dal ticket e, a Castelfranco, anche i prelievi del sangue. E recarsi presso la sede scelta solo al momento giusto, perché l’app Qurami fa la fila al posto del cittadino.

Come funziona

Basta scaricare l’app sul proprio smartphone; una volta aperta l’applicazione ed essersi geo-localizzati, si sceglie la struttura nella quale si vuole andare e si verifica in tempo reale il numero di persone in fila. Si sceglie il servizio desiderato e si prende il “numero elettronico”, del tutto equivalente a uno dei biglietti cartacei che si prenderebbero in loco e perfettamente inserito nel flusso degli stessi.

Si potrà così attendere il proprio turno senza fare la fila, mentre notifiche personalizzate segnaleranno l’avanzamento della coda e il momento in cui recarsi allo sportello. 

“L’uso di questa applicazione permette di ottimizzare tempo e impegni, facilitando gli spostamenti urbani. Per questi motivi è riconosciuta come una delle innovazioni più interessanti nel panorama delle soluzioni per le smart cities del futuro”, sottolinea l’Ausl di Modena. Sono oltre 100 le strutture che la utilizzano in tutta Italia (uffici pubblici, aziende, Università, ospedali, negozi e banche) mentre oltre 300.000 persone l’hanno scaricata sui propri dispositivi.

12 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»