Cile, Enel Gp: Al via i lavori per il fotovoltaico ‘astronomico’ a La Silla

A ring of telescopes at ESO's La Silla observation site. La Silla, in the  southern part of the Atacama desert, 600 km north of  Santiago de Chile,  was ESO's first observation site. The telescopes are 2400 metres above  sea level, providing excellent observing conditions. ESO operates the 3.6-m telescope, the  New Technology Telescope (NTT), and  the 2.2-m Max-Planck-ESO telescope  at La Silla. La Silla also hosts national telescopes, such as the 1.2-m  Swiss  Telescope and the 1.5-m Danish Telescope.

ROMA  – Enel Green Power ha avviato i lavori per la costruzione di un innovativo impianto fotovoltaico da 1,7 MW a La Silla, nel nord del Cile, che fornirà energia ‘a zero emissioni’ all’omonimo osservatorio astronomico.

Il progetto fotovoltaico e l’osservatorio si trovano su una montagna vicino a La Higuera, una città nella regione di Coquimbo nella periferia del deserto di Atacama, 600 km a nord della capitale Santiago.

“Siamo molto soddisfatti della realizzazione di un secondo progetto altamente innovativo in Cile, dopo il successo ottenuto con l’entrata in esercizio dell’impianto ibrido di Ollague- dice Francesco Venturini, amministratore delegato di Egp- La Silla rappresenta un nuovo esempio di eccellenza nella generazione da fonti rinnovabili, realizzato grazie al nostro continuo lavoro di innovazione, sottolineando una volta di più come sostenibilità e innovazione debbano andare di pari passo. Guardiamo con grande entusiasmo all’avvio della produzione di energia per l’osservatorio e alla gamma di opportunità offerte da questi nuovi metodi di generazione”. Per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico, prevista per il primo semestre di quest’anno, EGP investirà circa 3,4 milioni di dollari statunitensi.

L’impianto fotovoltaico di La Silla utilizzerà pannelli di ultima generazione, che includono moduli bifacciali e smart. I moduli smart contengono un microchip che ottimizza la produzione di ogni pannello, permettendo di fornire energia alla rete indipendentemente da eventuali anomalie che interessino altri pannelli; a differenza dei moduli convenzionali, dove il malfunzionamento di un pannello può influenzare la produzione degli altri. I moduli bifacciali catturano l’energia solare da entrambi i lati del pannello a differenza di quelli tradizionali che sono in grado di catturare l’energia solo da un lato. La Silla sarà il primo impianto fotovoltaico di taglia industriale al mondo che combinerà l’utilizzo di moduli bifacciali e smart con quelli convenzionali per testare nello stesso sito le performance delle tecnologie innovative rispetto a quelle dei pannelli convenzionali. Si prevede che l’utilizzo dei pannelli innovativi possa aumentare la potenza di generazione tra il 5% e il 10% rispetto a un tradizionale impianto fotovoltaico della stessa taglia. Il nuovo parco, supportato da un contratto di vendita a lungo termine (Production purchase agreement- Ppa) con l’osservatorio astronomico di La Silla, consegnerà l’energia prodotta al Sistema centrale interconnesso del Cile (Sic). Una volta operativo, l’impianto fotovoltaico sarà in grado di generare circa 4,75 GigaWattora all’anno, equivalenti al fabbisogno energetico di quasi 2.000 famiglie e a più del 50% dei consumi annuali dell’osservatorio. L’energia generata da La Silla eviterà l’emissione in atmosfera di oltre 2.000 tonnellate di CO2.

L’osservatorio di La Silla è dotato di diversi telescopi ottici con diametro dello specchio fino a 3,6 metri. La struttura fa parte della European Southern Observatory (Eso), preminente organizzazione di ricerca astronomica intergovernativa. Eso sta portando avanti un programma ambizioso dedicato alla progettazione, costruzione e gestione di potenti strutture astronomiche di osservazione a terra, per consentire importanti scoperte scientifiche. Oltre a La Silla, ESO possiede gli osservatori Paranal e Chajnantor, anch’essi situati nel deserto di Atacama. Egp gestisce attualmente un portafoglio di impianti in Cile con una capacità installata complessiva di oltre 600 MegaWatt, di cui 340 MW di eolico, 174 MW di solare e 92 MW di idroelettrico. Inoltre, Enel Green Power attualmente ha circa 600 MW di progetti in esecuzione, che, una volta completati, porteranno la capacità totale installata della società in Cile a quasi 1.200 MW. Tra questi progetti EGP sta costruendo, in collaborazione con ENAP, Cerro Pabellón, il primo impianto geotermico del Sud America, che avrà una capacità installata lorda di 48 MW.

12 Febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»