AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Bologna. Cittadina regala due bagni pubblici a piazza Verdi

Piazza Verdi

Piazza Verdi

BOLOGNA – I bagni in piazza Verdi, nella zona universitaria di Bologna? Da tempo e da più parti invocati, ora arriveranno grazie ad una privata cittadina, la 72enne Paola Pavirani, che ha deciso di donare 35.000 euro al Comune per realizzarli. Questo avverrà tramite un “trust di scopo”, strumento di “partnership tra ente pubblico e soggetti privati- spiega la delibera approvata dalla Giunta- che intendano rivestire il ruolo di finanziatori di opere pubbliche di particolare interesse”. Il Comune ha avuto “numerosi incontri” con la signora Pavirani, che aveva manifestato la propria disponibilità ad intervenire nella realizzazione di bagni pubblici in piazza Verdi “caratterizzati- si precisa nella delibera- da una particolare cifra stilistica”. La 72enne, che risiede in centro ma non nella zona universitaria, ha deciso di istituire il “trust” per contribuire “con spirito di solidarietà, liberalità e senza fini di lucro- continua l’atto di Palazzo D’Accursio- a portare a compimento un’opera destinata ad assolvere ad un servizio di pubblica utilità”, per poi “farne personale dono alla città”. L’accordo prevede la realizzazione di due bagni “sulla falsa riga dei cosiddetti vespasiani, oggi dismessi, per assicurare alla cittadinanza e ai turisti questo tipo di servizio pubblico”, recita la delibera. Spettava alla signora anche la scelta dell’architetto che realizzerà il progetto (Roberto Maci dell’Ordine di Bologna), dell’impresa e dei fornitori. La realizzazione dei bagni in piazza Verdi rientra nel piano dei lavori pubblici approvato dal Consiglio nel 2014, “in modo da armonizzare una zona del centro storico- si legge in delibera- che per l’alta intensità della frequentazione e delle problematiche che la connotano rischia fenomeni di degrado”.

12 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988