Tg Politico, edizione dell’11 dicembre

Si parla di: Manovra; Incendio Tmb Salario; Cna chiede stop al Sistri e taglio costo del lavoro; Garantire la liberta' religiosa in Medio Oriente.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MANOVRA, CONTE: SUPERARE IL RIGORISMO MIOPE

Non un libro dei sogni, ma una manovra che tenga insieme vincoli europei e solidarietà sociale. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alla vigilia della trattativa con Jean Claude Juncker sulla manovra, assicura che sui saldi la mediazione è in corso ma non cambierà lo spirito riformatore della legge di bilancio. No al rigorismo miope, avverte il premier. Ridurre il deficit sarebbe preferibile, ribatte il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Ora la decisione spetta alla politica, ma la manovra- assicura- non sarà rivoluzionata.

SINISTRA: SU TMB SALARIO INDAGHI COMMISSIONE ECOMAFIE

Chiudere il centro di raccolta rifiuti Salario. La sinistra insorge dopo l’incendio nell’impianto Ama di Trattamento Meccanico Biologico. La deputata di Leu Rossella Muroni chiede l’avvio di una indagine alla Commissione Ecomafie e deposita una risoluzione per la chiusura dell’impianto che è da anni al centro delle proteste dei residenti per i miasmi che emana 24 ore al giorno. Le esalazioni interessano 50 mila cittadini che vivono nei quartieri di Villa Spada, Fidene, Colle Salario, Nuovo Salario.

IMPRESE, CNA CHIEDE STOP AL SISTRI E TAGLIO COSTO DEL LAVORO

La Cna si aspetta dal governo l’abolizione del Sistri, il taglio del costo del lavoro e una ulteriore riduzione dell’Imu sui capannoni. Il segretario Sergio Silvestrini, nel corso dell’assemblea nazionale dei pensionati della Confederazione, ha chiesto al ministro Di Maio di confermare gli impegni presi nella manovra. Infine, parlando alla platea, Silvestrini ha ribadito l’impegno della Cna nel recupero delle energie della terza età e ha toccato il tema della sicurezza, percepita in modo drammatico dagli anziani.

GARANTIRE LA LIBERTA’ RELIGIOSA IN MEDIO ORIENTE

Garantire il rispetto dei diritti umani fondamentali, primo fra tutti la libertà religiosa, alle minoranze religiose in Medio Oriente. E’ l’obiettivo degli organizzatori del forum promosso da Paola Binetti. “Il diritto dell’uomo a credere- dice la senatrice- è un diritto fondamentale. Pensiamo soprattutto alle minoranze religiose e alle nuove generazioni, perché saranno loro a dover costruire un dialogo di pace”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»