Brexit, Juncker: “Impossibile rinegoziare, sì a nuovi chiarimenti”

"Possiamo fornire nuovi chiarimenti, ma non si può riaprire l'accordo di recesso", dice il presidente della Commissione europea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BRUXELLES – “Avevamo raggiunto un accordo il 25 novembre insieme al governo del Regno Unito e nonostante ciò, sembrerebbe che ci siano problemi proprio alla fine della strada”: lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker al Parlamento europeo di Strasburgo.

Non c’è spazio per la rinegoziazione” ha sottolineato Juncker. “Possiamo fornire ulteriori chiarimenti, senza riaprire l’Accordo di recesso. Vedrò la May questa sera e devo dire qui in Parlamento che l’accordo che abbiamo raggiunto è il miglior accordo possibile ed è l’unico accordo possibile”.

LEGGI ANCHE: Brexit, May rinvia il voto in Parlamento: “Voto sarebbe respinto”

“NON LASCEREMO MAI DA SOLA L’IRLANDA”

“Sono davvero sorpreso perché avevamo raggiunto un accordo insieme al governo del Regno Unito il 25 novembre” ha detto Juncker.

“Il grosso problema, naturalmente, è il backstop per l’Irlanda. Siamo determinati a fare tutto il possibile per l’Irlanda. È necessario per essere coerenti con l’accordo che abbiamo stipulato con la Gran Bretagna. L’Irlanda non sarà mai lasciata sola”.

di Alessio Pisanò, corrispondente da Bruxelles

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»