A Trieste la più grande porta-container dell’Adriatico

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

TRIESTE – Giovedì 15 dicembre arriverà al molo VII del porto di Trieste la “MSC Paloma“, nave da 14.000 Teu, che segna il record della portacontainer con la maggiore capacità mai entrata nel Mare Adriatico. Il record precedente, sempre con ormeggio sulle banchine gestite da Trieste Marine Terminal, apparteneva alla MSC Luciana con 11.660 Teu, seguita da altre navi gemelle dopo il suo arrivo nei primi giorni di gennaio.

“L’evoluzione e la crescita del porto di Trieste continuano insieme ai maggiori protagonisti mondiali del settore. In maniera progressiva si stanno realizzando gli scenari che premiano le strategie dei nostri terminalisti e del porto più in generale, consentendo un pieno rilancio dell’economia del nostro territorio- ha commentato il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino -. Le grandi compagnie concentrano i traffici negli scali che hanno le infrastrutture e i servizi più idonei, ma soprattutto più efficienti. MSC ha investito direttamente nel molo VII e nel porto di Trieste più di un anno fa e sta confermando la fiducia in noi con l’arrivo di nuovi traffici che solo giganti come la MSC Paloma possono gestire in maniera ottimale”.

Costruita nel 2010, la “MSC Paloma” misura oltre 365 metri di lunghezza per poco più di 51 di larghezza, mentre i contenitori sono disposti lungo 20 file e può ormeggiare allo scalo giuliano grazie ai fondali naturali da 18 metri, mentre il recente ammodernamento delle gru di banchina consentirà di operare sulla nave con l’efficienza richiesta ai più moderni porti nazionali ed internazionali. I recenti interventi pubblici, affiancati da nuovi progetti finanziati per un totale di circa 50 milioni di euro, sull’infrastruttura ferroviaria dello scalo stanno quindi mantenendo il trend di crescita che questa tipologia di traffici ha assunto nell’ultimo decennio.

11 Dic 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»