Porti, Velo: Toscana è buon modello, ha anticipato la norma sui dragaggi

FIRENZE – “I tre porti della Toscana hanno anticipato o stanno anticipando la nuova normativa sui dragaggi. Piombino è stato fra i primi porti, dove abbiamo applicato anziché il metodo tabellare per la classificazione per i sedimenti dragati il metodo ponderale con l’analisi di rischio. Livorno è dove abbiamo fatto una deperimetrazione da Sin a Sir, che è stata lunga piena di riunioni, di conferenze dei servizi ma con questa norma che andremo ad approvare nei prossimi giorni diventerà una procedura automatica”. Lo ha evidenziato, parlando alla ‘Dire’, il sottosegretario all’Ambiente, Silvia Velo a margine del convegno di presentazione della nuova regolamentazione sui dragaggi nei porti.

Carrara– ha aggiunto- è il porto in cui si sta provando di vedere se ci sono le condizioni per usare le sabbie dragate pulite per il ripascimento delle spiagge della Versilia. In un’idea di economia circolare che deve essere la nostra prospettiva. Livorno, ovviamente, primo fra tutti perché è il porto più grande, ma quello toscano è un buon modello”.

di Carlandrea Poli, giornalista

11 Dic 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»