Ostia, il corteo si spezza. Insulti a Raggi e giornalisti: "La mafia siete voi" - DIRE.it

Lazio

Ostia, il corteo si spezza. Insulti a Raggi e giornalisti: “La mafia siete voi”

 

ROMA – Circa un migliaio di persone stanno marciando ad Ostia per manifestare contro la criminalità. La passeggiata è cominciata alla stazione del Lido di Ostia e si sta snodando per circa 3 km in direzione di Ostia nuova. Alla manifestazione, organizzata da alcune associazioni del luogo, ha aderito il Movimento cinque stelle. C’è la sindaca Virginia Raggi, i deputati Castelli, Vignaroli, la senatrice Taverna, la candidata al municipio X Giuliana Di Pillo. Presenti anche esponenti della sinistra: Stefano Fassina (Si) e Alfredo D’Attorre (Mdp).

 

LEGGI ANCHE: Ostia, parlano i residenti: “La mafia qui non esiste, Roberto ha fatto bene”

 

Alla manifestazione, nata dopo l’aggressione di Roberto Spada a un giornalista della trasmissione Nemo, non mancano i militanti 5 stelle che si scagliano contro la stampa: “Fate schifo- gridano all’indirizzo dei giornalisti che circondano Raggi durante la passeggiata- siete delle mosche, servi del potere”.

Alcuni ipotizzano: “In tv raccontano solo quello che vogliono loro, danno tutte le colpe a Virginia, fanno vedere solo Prodi e Berlusconi. Perché i nostri parlamentari, con i soldi che risparmiano, non aprono una bella tv?“.

 

RAGGI: IN PIAZZA CONTRO MAFIA, BELLA RISPOSTA DEI CITTADINI

“Ho fatto mia una richiesta dei cittadini. Non sono qui per fare campagna elettorale. Siamo qui tra i cittadini, questa è una bella risposta“. Lo dice la sindaca di Roma Virginia Raggi, arrivata a Ostia per una manifestazione contro le mafie.

 

CORTEO SI SPEZZA, RAGGI PROSEGUE VERSO PIAZZALE GASPARRI

Momenti di tensione alla manifestazione contro la mafia a Ostia, dove il corteo è stato fermato in largo delle Sirene, a circa un chilometro da piazzale Gasparri, il luogo dove la passeggiata doveva finire, nei pressi della palestra di Roberto Spada. Il corteo, organizzato da alcune associaziono del territorio, si è fermato in largo delle Sirene, tra lo stupore di tanti che pensavano di arrivare fino a piazzale Gasparri. Le forze dell’ordine hanno spiegato che la fine del corteo era prevista in largo delle Sirene.

Nel corso della trattativa con la polizia sono comparse poi alcune persone, provenienti dalle vie limitrofe, che hanno iniziato a insultare la sindaca e i giornalisti: “I mafiosi siete voi- gridavano- non noi”.

Dopo circa 15 minuti di trattativa, il via libera delle forze dell’ordine: tra gli applausi la marcia, con Raggi in testa, è ora ripresa verso piazzale Gasparri. Al corteo partecipano qualche centinaia di persone, dal momento che tanti ragazzi delle associazioni si sono fermati in largo delle Sirene.

 

11 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»