AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Il Duomo e il Battistero di Firenze in mattoncini Lego: l’opera di un 17enne pugliese

FIRENZE – Ventimila mattoncini Lego di 400 forme differenti e 10 colori, recuperati in vari Paesi del mondo da appassionati e collezionisti. Tanti saranno necessari per costruire per la prima volta un modello in grandi dimensioni (150 per 60 per 65 centimetri) del Duomo e del Battistero di Firenze. Progettato da Giacinto Consiglio, un ragazzo pugliese di soli 17 anni, il modellino sarà realizzato pezzo per pezzo al museo dell’Opera del Duomo a Firenze, il prossimo 21 ottobre, con il pubblico che potrà assistere alle delicate fasi di montaggio. La creazione, poi, sarà visibile all’interno del museo fino al 9 novembre. Infine sarà esposta al “Bricks in Florence Festival” organizzato all’Obihall l’11 e il 12 novembre.

“La realizzazione di un’opera attraverso un gioco”

A costruirlo, oltre al 17enne ci saranno i membri del gruppo Adult fan of Lego e l’associazione Italian Lego users group, le due storiche comunità per gli appassionati dei mattoncini. “Guardare la nostra cattedrale attraverso i Lego- spiega Luca Bagnoli, presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore-, con un linguaggio universale che unisce appassionati di tutto il mondo a prescindere da età e cultura, rappresenta un’esperienza unica, la realizzazione di un’opera attraverso un gioco”.

Consiglio, l’ideatore, dopo aver visitato per la seconda volta Firenze nel 2016, ha progettato al computer la riproduzione del complesso monumentale. Una volta fatto il modellino virtuale si è costituito un gruppo di lavoro: da giugno 2017 il progetto è stato rivisto così da consolidare alcune parti della struttura, ottimizzando l’utilizzo di pezzi anche sulla base della disponibilità sul mercato. Per completare il modello è stato necessario ordinare pezzi in circa nove Paesi differenti, facendoli arrivare anche dagli Stati Uniti.

11 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988