AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Legge elettorale, in piazza la rabbia del Movimento 5 stelle: “Non berremo bevanda avvelenata”

ROMA – C’è chi è arrivato dalla provincia di Lecce”per mandare via ‘sti quattro mafiosi” e chi definisce i parlamentari promotori del Rosatellum “una massa di ladroni“. Cosa non le piace del Rosatellum? “Tutto”, risponde. C’è tanta rabbia nella piazza del popolo 5 stelle, oggi riunito davanti a palazzo Montecitorio per protestare contro la decisione di mettere la fiducia nella votazione della legge elettorale.

Qualcuno arriva da Napoli, dice, “per scioperare”. Perchè “mi sono rotto di scatole, se ne devono andare questi ladri da qui”. Che cos’ha che non va il Rosatellum? “E’ uno schifo, “peggio di quell’altro”.

“NON BERREMO LA VOSTRA BEVANDA AVVELENATA”

Dal palco un attivista la microfono dice infervorato: “Siamo in uno stato illegale e siamo qui per dire ancora no a questa proposta. Cosa ci propongono? Una bevanda avvelenata che è un vino annacquato e velenoso. Questa è la pozione che vogliono farci bere. E noi siamo qui a dire tutti insieme, ‘A noi non la date a bere’, perchè la sovranità appartiene a tutti noi”.

GUARDA IL NOSTRO VIDEO DALLA PIAZZA:


LEGGI ANCHE:

Legge elettorale, in piazza a Roma sfiorata rissa tra M5s e ‘forconi’

Legge elettorale, Gasparri sommerso dagli insulti in piazza Montecitorio

Legge elettorale, oggi il voto di fiducia alla Camera. M5s e Mdp scendono in piazza

11 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988