AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Legge elettorale, in piazza a Roma sfiorata rissa tra M5s e ‘forconi’


di Alfonso Raimo e Federico Sorrentino, giornalisti professionisti

ROMA – Lite tra Movimento Cinque Stelle e ‘forconi’ in piazza Montecitorio. Mentre i Cinque stelle parlano dal palco, il generale Antonio Pappalardo imbraccia il megafono per iniziare un estemporaneo comizio. Tanto basta per provocare la reazione di un militante grillino: “Ah mafioso! Basta“, gli urla. E cerca di aggredirlo. I due vengono divisi a stento.

I FATTI NEL DETTAGLIO

“Ho appena saputo che un gruppo di cittadini in questo momento ha arrestato Ettore Rosato e ha consegnato il verbale alle forze di polizia”. Sono le 14.30 circa quando il generale Antonio Pappalardo si fa ridare il megafono davanti Montecitorio per risvegliare la sua parte di piazza. Molti sono infatti ‘distratti’ dai parlamentari M5S che a pochi metri intervengono su un palco improvvisato. Alle parole ‘oscure’ del Generale, i suoi fedelissimi riprendono vigore, rispondono con applausi e scene di giubilo. “Il popolo arresta, il popolo arresta, il popolo arresta”, ripete Pappalardo quasi in trance.

Le parole del leader dei ‘forconi’ però non piacciono ad altri, che lo avvicinano fino alla ringhiera che separa Montecitorio dalla piazza e tentano di colpirlo. Solo l’intervento della polizia spezza la tensione.



LEGGI ANCHE:

Legge elettorale, Gasparri sommerso dagli insulti in piazza Montecitorio

Legge elettorale, oggi il voto di fiducia alla Camera. M5s e Mdp scendono in piazza

Legge elettorale, Di Battista esce dalla Camera e sbaglia piazza. Dietrofront tra i fischi

11 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988