Disabilità, in sella da Venosa a Bernalda per superare barriere - DIRE.it

Basilicata

Disabilità, in sella da Venosa a Bernalda per superare barriere

POTENZA – Quasi 250 km percorsi con tappe quotidiane lunghe fino a 40 km: parte il 15 settembre la decima edizione del viaggio a cavallo organizzato dai Padri Trinitari i cui protagonisti saranno ragazzi diversamente abili ospiti dei due centri di riabilitazione e inserimento gestiti dai Trinitari a Venosa e Bernalda. Gli speciali cavalieri saranno in sella fino al 21 settembre: partiranno da Venosa e attraverseranno i Comuni di Lavello, Spinazzola, Andria (Castel del Monte), Gravina, Matera, Ginosa, Montescaglioso per arrivare a Bernalda dove saranno ‘festeggiati’ dalle scolaresche. L’iniziativa è stata introdotta oggi a Potenza nel corso di una conferenza nel Palazzo del Consiglio regionale della Basilicata a cui hanno partecipato il direttore generale e ministro provinciale dei Padri Trinitari, Padre Luigi Buccarello, il direttore sanitario dei due centri, Ruggiero Doronzo, e l’ideatore del viaggio Francesco Castelgrande, già responsabile dell’area di Terapia assistita con gli animali delle due strutture di Venosa e Bernalda. Presenti inoltre gli assessori alle Politiche sociali dei Comuni di Venosa e Bernalda, Carmela Sinisi e Domenico Calabrese. In rappresentanza della Regione Basilicata sono intervenuti poi il consigliere regionale Franco Mollica (venosino di nascita, ndr) e il presidente del Consiglio regionale Vito Santarsiero.  Nell’incontro è stato dato ampio risalto al lavoro svolto nel segno dell’unità e della solidarietà dai due centri lucani, gemellati nel nome dell’accoglienza. Attraverso il viaggio i protagonisti dimostreranno che l’integrazione unita alla volontà permette di far superare le barriere e i propri limiti. “E’ una sfida che vede i ragazzi preparati sia fisicamente che mentalmente – sottolinea Castelgrande -. In campo ci sarà la loro tenacia che tutto rende possibile”.

DISABILITÀ, COMUNE VENOSA: RAGAZZI ‘VIAGGIO A CAVALLO’ SONO PARTE CITTÀ

“È un onore morale quello di custodire, sostenere, caldeggiare e ringraziare i Padri Trinitari per la loro opera”. Così alla Dire Carmela Sinisi, assessore alle Politiche sociali del comune Venosa (Pz), a margine della conferenza stampa del ‘Viaggio a cavallo’ organizzato dai Padri Trinitari di Venosa e Bernalda presentato oggi a Potenza nella sede del Consiglio regionale. Gli ospiti delle strutture di accoglienza e riabilitazione dei Padri Trinitari “non sono solo disabili – ha continuato Sinisi – sono cittadini autonomi che si integrano con il territorio e con la società. I ragazzi sono parte della città, vivono nelle nostre case, si fermano per strade a sorseggiare un caffè o frequentano la scuola con i nostri figli. Io stessa ho avuto un compagno alla scuola primaria appartenente a questo istituto e per me è stato il primo contatto con la disabilità”. “Chi di noi non ha un ‘minus’ nella propria personalità? Minori siamo tutti – ha concluso l’assessore – e dipende dai punti di vista”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

11 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»