AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

A Ferragosto angurie gratis a Bioparco per ospiti e animali


ROMA – Distribuzione gratis di angurie ai visitatori e… agli animali! Il giorno di Ferragosto cocomero per tutti, ma proprio tutti, al Bioparco di Roma.

Dalle ore 11.30 alle 14.30, infatti, l’anguria sarà distribuita gratuitamente ai visitatori all’interno del parco, fino ad esaurimento scorte, e, durante gli appuntamenti con i pasti, gli animali riceveranno decine di cocomeri, interi o a fette, freschi o congelati, insieme a speciali ghiaccioli a base di frutta e verdura.

“Anche la distribuzione di angurie fa parte del programma di arricchimento ambientale- spiega il presidente della fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccia, medico veterinario- gli animali, cercando il cibo, che in alcuni casi è congelato, fanno movimento e aguzzano l’ingegno, oltre a trovare refrigerio. Il tutto, sotto il rigoroso controllo dei nostri esperti nutrizionisti”.

Ecco gli orari: alle 11 i cocomeri e saranno distribuiti al gruppo di 61 macachi del Giappone, alle 11.30 i lemuri catta riceveranno il cocomero, tagliato in piccoli pezzi, all’interno di ghiaccioli che verranno appesi ai rami dell’area, mentre alle 12.30 i frutti, insieme a trote e grandi ghiaccioli, sempre a base di frutta, saranno lanciati nella piscina degli orsi.

Alle 14 sarà organizzato il pasto dei quattro scimpanzé: Bingo, Susy, Edy e Pippi per i quali i ‘keeper’ preparano canne di bambù ripiene di yogurt e frutta congelati e ghiaccioli a base di cocomero. Alle 14.30 pasto a base di grandi cocomeri per Pipa e Mimì, i due ippopotami anfibi, accompagnato da un ‘contorno’ di erba medica e fieno.
Durante la giornata, inoltre, da non perdere gli appuntamenti con ‘A tuxtu con gli animali: animali & pregiudizi’ e ‘Dai da mangiare a Sofia’, l’elefante indiano del Bioparco. Tutte le attività della giornata sono comprese nel costo del biglietto.

11 agosto 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram