Expo, la Top ten extralusso delle specialità Made in Italy - DIRE.it

Ambiente

Expo, la Top ten extralusso delle specialità Made in Italy

ROMA – Dall’essenza di bergamotto per profumi Doc allo spumante con polvere d’oro, dal caviale di lumaca all’extravergine italiano Dop piu’ caro ma anche bottiglie gioiello con etichetta in Swarosky, bottarga, tartufo e culatello sono solo alcuni esempi delle specialità Made in Italy più preziose che la Coldiretti ha messo in mostra ad Expo nella Top Ten del lusso che piace presso il padiglione “No farmers no party”, all’inizio del Cardo, Ingresso sud. Nello scrigno dei prodotti “preziosi”- afferma la Coldiretti- ci sono veri e propri gioielli alimentari tra i piu’ costosi e ricercati dell’agricoltura italiana ma anche sofisticate innovazioni che piacciono ai consumatori più esigenti e raffinati dell’intero globo.

bergamotto

L’estratto di bergamotto- informa la Coldiretti- la cui produzione mondiale avviene per il 90 per cento nella provincia di Reggio Calabria, arriva a costare fino a 500 euro litro ed il suo prezzo così elevato è dovuto alla “perfezione organolettica” del suo olio essenziale, estratto dalla buccia del frutto mediante un particolare procedimento “a freddo”, è composto da circa 350 elementi chimici con sue proprietà “fissative”, che lo hanno reso indispensabile, nelle epoche in cui i profumi erano composti esclusivamente da prodotti naturali, per amalgamare tutte le essenze contenute in esso e conservarne la fragranza nel tempo.

Lo spumante più prezioso d’Italia invece- continua la Coldiretti- contiene al suo interno piccole stelle in oro che fluttuano dentro la bottiglia, come se fosse uno scrigno prezioso o un romantico cielo stellato. L’azienda lombarda che lo produce, ha pensato di aggiungere allo spumante metodo classico, ottenuto dalle uve raccolta nei vigneti che si affacciano sul lago d’Iseo, oro alimentare 23 carati macinato in polvere per dare un tocco in più e differenziare ancora di più un prodotto già molto apprezzato. L’oro alimentare – informa la Coldiretti- non presenta nessuna controindicazione per la salute, anzi ha proprietà salutari e non altera assolutamente il sapore dei cibi nei quali viene miscelato. Il caviale di lumaca prodotto in Sicilia – prosegue la Coldiretti – che arriva a costare anche 160 euro per 100 grammi si colloca come prodotto d’eccellenza di alta gastronomia. Il suo prezzo così alto è dovuto al fatto che la raccolta e la selezione delle uova viene eseguita rigorosamente a mano, inoltre le lumache vengono alimentate esclusivamente con ortaggi di produzione biologica. Ancora – continua la Coldiretti – nella panoramica della tavola dello sfarzo un posto privilegiato lo merita la bottarga, il cosiddetto “caviale dei Sardi”, un alimento pregiatissimo, costituito dalle uova di muggine (cefalo) o di tonno sottoposte a un lungo procedimento di salatura ed essiccamento. Si tratta di un prodotto unico al mondo e al tempo stesso un piccolo grande sfizio culinario, da riservare a un pranzo o a una cena speciale. Parlando di lusso alimentare in Italia – riferisce la Coldiretti – non si può non citare il tartufo la cui rarità lo rende estremamente pregiato e ricercato, molto costoso, fino a 200 euro al chilo, e apprezzato da gourmet e da esperti.

La medaglia d’oro per l’olio più pregiato d’Italia invece- afferma la Coldiretti- va a quello romagnolo di Brisighella, il primo ad avere avuto il riconoscimento Dop dall’Unione Europea. Questo prezioso si realizza con una produzione limitata di olive, ottenute in un’area particolarmente circoscritta della provincia di Ravenna, con specifiche caratteristiche climatiche e produttive. La particolarità è che si utilizza una singola varietà, selezionata nel corso degli anni nel microclima ideale della zona di produzione conferendo a quest’olio particolarissime qualità organolettiche. Infine- conclude la Coldiretti- per i consumatori più chic che vogliono assicurarsi una vera e propria chicca non può mancare la bottiglia di vino gioiello in edizione limitata con l’etichetta, realizzata con cristalli Swarosky.

11 luglio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»