Lazio

Roma, nei municipi tonfo M5S: fuori dal ballottaggio nel III, in VIII vince Ciacchieri (csx)

ROMA – Tracollo del Movimento 5 Stelle nei due Municipi di Roma chiamati al voto. Per il Movimento di Virginia Raggi è una sonora sconfitta, con entrambi i candidati fuori dai giochi e ben al di sotto del centrodestra, mentre il centrosinistra va verso una doppia vittoria, con Amedeo Ciaccheri che si assicura la vittoria in VIII municipio già al primo turno.

In III la M5S Roberta Capoccioni è ferma al 20%, ben lontana dal centrodestra rappresentato da Francesco Maria Bova (33%) che si avvia al ballottaggio contro Giovanni Caudo del centrosinistra (41%).

Peggio fa Enrico Lupardini, che in VIII inchioda il M5S al 13,5%, a oltre 10 punti percentuali da Simone Foglio del centrodestra (25,4%) e oltre 40 da Ciaccheri.

MUNICIPIO III, IL 24 GIUGNO BALLOTTAGGIO TRA CAUDO E BOVA

In III Municipio sarà ballottaggio tra il candidato presidente del centrosinistra, Giovanni Caudo, e lo sfidante di centrodestra, Francesco Maria Bova.

Al 92% delle sezioni scrutinate (169 su 183), infatti, Caudo è in testa con il 41,35% dei voti, seguito da Bova con il 34%,18: i due si sfideranno per la carica di minisindaco il prossimo 24 giugno.

Al terzo posto, fuori dai giochi e dal ballottaggio, la ex presidente Roberta Capoccioni, candidata del M5S, ferma al 19,49%.

MUNICIPIO VIII, CIACCHERI ELETTO PRESIDENTE AL PRIMO TURNO

Amedeo Ciaccheri, candidato del  centrosinistra con la Coalizione Nuovo Municipio, è il nuovo presidente dell’VIII Municipio di Roma. Con l’89% delle sezioni scrutinate, infatti, Ciaccheri si attesta al 54,13%, superando la maggioranza assoluta dei voti validi che gli garantisce l’elezione al primo turno, senza bisogno di ballottaggio.

Più che doppiato lo sfidante di centrodestra Simone Foglio, che si è attestato 25,3%, mentre il M5S guidato da Enrico Lupardini non è andato oltre il 13,08%.

11 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»