Il Consiglio regionale approva la proposta: ci sarà un comitato per il controllo delle leggi VIDEO

ROMA – Il Consiglio regionale ha approvato, con 31 voti a favore e 6 contrari, la proposta di legge n. 319 di iniziativa dei consiglieri Gian Paolo Manzella (Pd) e Mario Abbruzzese (Fi) concernente l’Istituzione del comitato per il monitoraggio dell’attuazione delle leggi e la valutazione degli effetti delle politiche regionali. La legge ha il compito di monitorare l’attuazione delle leggi affinche’ ci sia un utilizzo efficace delle risorse pubbliche, incluse quelle provenienti dall’Unione europea. Viene quindi istituito un comitato paritetico, formato da cinque consiglieri di maggioranza e cinque di opposizione, che avra’ il compito di promuovere l’attivita’ di monitoraggio dell’attuazione delle leggi e di valutare i loro effetti, avvalendosi anche dell’Istituto regionale di studi giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo.


MANZELLA: “OGGI IL LAZIO E’ PIU’ MODERNO” – “L’approvazione della proposta di legge sulla valutazione delle leggi da parte del Consiglio regionale del Lazio, ci avvicina ad un organismo parlamentare moderno. Il compito del legislatore non si ferma più all’approvazione della legge ma continua fuori dalle aule: per vedere se la legge è stata attuata, se ha funzionato, come lo ha fatto, in che modo può essere migliorata”. Lo ha detto Gian Paolo Manzella, consigliere Pd Regione Lazio e primo firmatario della legge. “E’ una legge che ho presentato per allineare il Lazio a quanto si fa nel mondo e nelle regioni italiane più avanzate sul punto. Ci sarà un Comitato composto in maniera paritetica tra maggioranza ed opposizione. Coinvolgerà nelle sue attività di valutazione cittadini, università, operatori, amministrazioni. Porterà i risultati in aula, in piena trasparenza. Sarà il modo migliore per capire quali leggi funzionano e quali no. E, da qui, decidere se abolirle o cambiarle. Un passo istituzionale importante che merita un’attuazione altrettanto importante in fase attuativa da parte del Consiglio regionale”.

CORRADO (M5S): “COMITATO CONTROLLO LEGGI SENZA POTERI” – “Si tratta di una legge che stabilisce delle formulazioni generiche rispetto a quelle che dovranno essere le funzioni del Comitato o la definizione degli strumenti che poi dovrà utilizzare il Comitato per poter effettuare la valutazione e il monitoraggio delle leggi. Mi riferisco alle clausole validative alle missioni valutative e nostri emendamenti incidevano rispetto a queste definizioni, rispetto alla definizione delle funzioni andando a specificare meglio quelle che sarebbero dovute essere”. Lo dichiara all’Agenzia Dire Valentina Corrado, consigliera regionale del Movimento 5 stelle, al termine della seduta che ha appena approvato la legge regionale sull’istituzione del Comitato per il monitoraggio dell’attuazione delle leggi e la valutazione degli effetti delle politiche regionali. Secondo Corrado “c’è stata la negazione rispetto il parere negativo da parte della giunta e la conseguente votazione negativa da parte dell’aula rispetto ad ogni formulazione, ma anche a quelle che potevano essere delle aggiunte rispetto a quello che prevedevano gli articoli. Una chiusura totale. Si ha l’impressione che si voglia arrivare a dama con una legge blindata pur di portare a casa una legge. Il nostro timore é quello che venga costituito un comitato assolutamente vuoto e che avrà le mani sostanzialmente legate e rispetto alle funzioni che dovrà attuare”.

11 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»