Gestione migranti a Riace, Mimmo Lucano rinviato a giudizio

La prima udienza del processo si terrà l'11 giugno. Il sindaco di Riace è stato rinviato a giudizio insieme agli altri 30 indagati dell'inchiesta Xenia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMa – Mimmo Lucano, sindaco sospeso del Comune di Riace (Reggio Calabria), è stato rinviato a giudizio insieme agli altri indagati dell’inchiesta Xenia, che ha messo in luce irregolarità nella gestione dell’accoglienza dei migranti a Riace. La decisione è stata presa oggi dal gup di Locri Amelia Monteleone che ha stabilito la data della prima udienza: l’11 giugno al tribunale locrese.

LEGGI ANCHE: Riace, arrestato il sindaco Mimmo Lucano per favoreggiamento immigrazione clandestina

Lucano insieme ad altri 30 imputati, tra cui l’attuale compagna Tesfahun Lemlem, dovrà rispondere a vario titolo dei reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, truffa con danno patrimoniale, frode in pubbliche forniture, peculato con distrazione di fondi pubblici. Le indagini sono coordinate dalla procura di Locri con il supporto della guardia di finanza.

LEGGI ANCHE: Migranti, Mimmo Lucano: “Io non scappo dal processo come Salvini”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»