Zimbabwe, migliaia di sterline in parrucche, governo imputato

Lite nello Zimbabwe sulle parrucche bianche in tribunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lite nello Zimbabwe sulle parrucche bianche in tribunale: retaggio della dominazione britannica dall’Africa ai Caraibi, spreco intollerabile in un Paese dove solo poche settimane fa si sparava nelle strade per il carovita e i tagli di spesa raccomandati dal Fondo monetario internazionale.

Accade che un giornale di Harare, lo ‘Zimbabwe Independent’, riveli quanto siano costate al ministero della Giustizia le iconiche parrucche di crine di cavallo: 64, arrivate direttamente dall’esclusivo Stanley Ley Legal Outfitters di Londra, pagate 1850 sterline l’una (totale 118mila sterline).

Ad accusare, in spregio a una tradizione plurisecolare che vuole in parrucca giudici e avvocati, sono giornalisti ed esponenti della societa’ civile. “Puoi portare lo Zimbabwe fuori dall’impero – ha scritto ad esempio il documentarista Hopewell Chin’ono – ma non puoi portare l’impero fuori dallo Zimbabwe”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»